FACITELA SUNNA'


(De Martino, E. Alfieri)


 
Comm'a na criaturella abbandunata,
Napule s'è addurmuta sott' 'e stelle.
Facitela durmí, nun 'a scetate.
Facitela durmí, nun 'a scetate.
 
Come una bambina abbandonata,
Napoli si è addormentata sotto le stelle.
Fatela dormire, non la svegliate.
Fatela dormire, non la svegliate.
 
Duorme, Napule mia,
fatte 'o cchiù bellu suonno,
scétate sulo quanno
torna 'a felicitá.
Mentr'io ca te só' figlio,
te sano sti fferite
cu 'o bbene cchiù carnale
ca ce sta.
 
Dormi, Napoli mia,
fatti il più bel sogno,
svegliati solo quando
torna la felicità.
Mentre io che ti sono figlio,
ti curo queste ferite
col bene più profondo
che c'è.
 
E nonna nonna, cantano 'e ssirene
e Napule fa quase nu surriso.
Facitela sunná, nun 'a scetate.
Facitela sunná, nun 'a scetate.
 
E ninna nanna, cantano le sirene,
e Napoli fa quasi un sorriso.
Fatela sognare, non la svegliate.
Fatela sognare, non la svegliate.
 
Duorme, Napule mia,
fatte 'o cchiù bellu suonno,
scétate sulo quanno
torna 'a felicitá.
Mentr'io ca te só' figlio,
te sano sti fferite
cu 'o bbene cchiù carnale
ca ce sta.
 
Dormi, Napoli mia,
fatti il più bel sogno,
svegliati solo quando
torna la felicità.
Mentre io che ti sono figlio,
ti curo queste ferite
con il bene più profondo
che c'è.
 
   parlato

Duorme, duorme Napule mia.
Peró, si na matina,
siente 'e vulá pe' dint'a ll'aria
doje note 'e mandulino,
tanno te puó' scetá.
Te puó' scetá, Napule mia.
Napule mia…
   parlato

Dormi, dormi Napoli mia.
Però, se una mattina,
senti volare in aria
due note di mandolino,
in quel momento ti può svegliare.
ti può svegliare, Napoli mia.
Napoli mia…

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia