FACITEME FELICE


(V. Russo, De Curtis)


 
Uocchie belle ca lucite
comme luce 'o sole 'e maggio,
mme guardate e nun dicite
si stu core pò campá.
 
Occhi belli che brillate
come brilla il sole di maggio,
mi guardate e non mi dite
se questo cuore può vivere.
 
Ricce nire, avvellutate,
ca ve sonno tutt' 'e nnotte,
vuje mm'avite affatturato.
Ch'aggi' 'a fá pe' mme calmá?
 
Riccioli neri, vellutati,
che vi sogno tutte le notti,
mi avete stregato.
Che devo fare per calmarmi?
 
Facíteme felice,
facíteme campá.
I' senz' 'e vuje, Marí',
nun pòzzo arrepusá.
 
Fatemi felice,
fatemi vivere.
Io senza di voi, Maria,
nono posso riposare.
 
Quanno fore a 'sta fenesta
io ve veco arracquá 'e rrose,
chistu core mio se resta
n'ora sana pe' guardá.
 
Quando fuori da questa finestra
vi vedo annaffiare le rose,
questo cuore mio rimane
un'ora intera a guardarvi.
 
E mm'avvénce 'a gelusia
dint'a st'anema malata.
Penz'ê rrose, bella mia,
furtunate cchiù de me.
 
E mi prende la gelosia
in quest'anima malata.
Penso alle rose, bella mia,
più fortunate di me.
 
Facíteme felice,
…………………
 
Fatemi felice,
………………
 
Quann' 'o sole sponta e vasa
sti capille e st'uocchie nire…
Ah, che spina ca mme trase
dint' 'o core mio, Marí'.
 
Quando il solo sorge e bacia
questi capelli e questi occhi neri…
Ah, che spina che entra
dentro il mio cuore, Maria.
 
Só' geluso 'e tutte cosa,
pure 'e st'aria ca respiro,
'e stu sole, 'e chesti rrose,
só' geluso assaje, Marí'.
 
Sono geloso di tutto,
anche dell'aria che respiro,
di questo sole e di queste rose,
sono molto geloso, Maria.
 
Facíteme felice,
…………………
Fatemi felice,
………………

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia