FANTASIA
(Bovio, Valente - 1935)
 

E' serenata e nun è serenata,
chesta è na fantasia che mm' è venuta.
Dice che la mia bella sta malata
e i' ca stó' buono, che ce pòzzo fá?

Ah, ah.
 
E' serenata e non è serenata,
questa è una fantasia che mi è venuta.
Dice che la mia bella è malata
e io che sto bene, che ci posso fare?

Ah, ah.
 
Io tengo sulo a me,
i' voglio bene a me
e po' a nisciuno cchiù.
Pecché
nisciuno maje mm'ha fatto bene a me.
 
Io ho solo me,
io voglio bene a me
e poi a nessuno più.
Perchè
nessuno mi ha mai fatto bene.
 
E 'sta chitarra mia s'era addurmuta
e mo 'mpruvvisamente s'è scetata.
Che voce 'e paraviso che mm'è asciuta
cu nu bicchiere 'e vino, 'int'a ll'está.

Ah, ah.
 
E questa mia chitarra si era addormentata
e ora improvvisamente si è svegliata.
Che voce di Paradiso che mi è uscita
con un bicchiere di vino, in estate.

Ah, ah.
 
Io tengo sulo a me,
...........................
 
Io ho solo me,
....................
 
No, nun è overo, chesta è serenata
e só' nu strazio chesti qquatto note.
'O ssaccio, 'o ssaccio pe' chi staje malata
e io prego 'e Sante 'e nun te fá saná.

Ah, ah.
 
No, non è vero, questa è serenata
e sono uno strazio queste quattro note.
lo so, lo so per chi sei malata
e io prego i Santi di non farti guarire.

Ah, ah.
 
Io tengo sulo a me,
i' voglio bene a me,
e po' a nisciuno cchiù.
Ma si tu muore,
'o ssaje ca i' moro appriesso a te.

Tu vi' che fantasia che mm' è venuta!
Io ho solo me,
Io voglio bene a me
e poi a nessuno più.
Ma se tu muori,
lo sai che io muoio insieme a te.

Vedi tu che fantasia che mi è venuta!