FANTASIA


musicaMario Nicolò testo A. Frungillo – 1927


 
Janca, cchiù ghianca d' 'a cera
tu tiene 'sta faccia. Pecché
nun parle, nun cante? Stasera,
si' triste, si' bella,
ma chiagne pe' me.
Stasera, cu st'uocchie tuoje nire,
mme guarde e suspire,
chisà che vuó' dí.
 
Bianca, più bianca della cera
tu tieni questa faccia. Perché
non parli, non canti? Stasera,
sei triste, sei bella,
ma piangi per me.
Stasera, con questi tuoi occhi neri,
mi guardi e sospiri,
chissà cosa vuoi dire.
 
Marí',
si chiagne 'o core, nun è fantasia.
Si tremma 'a voce, nun è na buscía.
E' na malincunia
ca te turmenta, ma nun mm' 'o vuó' dí.
 
Maria,
se piange il cuore, non è fantasia.
Se trema la voce, non è una bugia.
E' una malinconia
che ti tormenta, ma non me lo vuoi dire.
 
Bella, cchiù bella 'e na fata,
mme pare, stasera, Marí'.
Si tu, pe' stu core si' stata
pe' n'anno sincera, nun farlo suffrí.
Ma dimme, che sóngo sti ppene?
Si tu mme vuó' bene,
mme strazie accussí?
 
Bella, più bella di una fata,
mi sembri, stasera, Maria.
Se tu, per questo cuore sei stata
per un anno sincera, non farlo soffrire.
Ma dimmi, che sono queste pene?
Se tu mi vuoi bene,
mi strazi così?
 
Marí',
si chiagne 'o core, nun è fantasia.
……………………………………….
 
Maria,
se piange il cuore, non è fantasia.
……………………………………….
 
St'uocchie, cchiù belle d' 'e stelle,
ma comme se sanno spiegá.
Marí', 'mmiez'ê rrose cchiù belle,
si' 'a cchiù prufumata
ca fa suspirá.
Ma guárdame e di', nun è overo
ca core sincero pò fá dubitá.
 
Questi occhi, più belli delle stelle,
ma come si sanno spiegare.
Maria, in mezzo alle rose più belle,
sei la più profumata
che fa sospirare.
Ma guardami e dimmi, non è vero
che cuore sincero può fare dubitare.
 
Marí',
si chiagne 'o core, nun è fantasia.
……………………………………….
Maria,
se piange il cuore, non è fantasia.
……………………………………….

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia