FENESTA VASCIA


XVI secolo


 
Fenesta vascia 'e padrona crudele,
quanta suspire mm'haje fatto jettare.
Mm'arde stu core, comm'a na cannela,
bella, quanno te sento annommenare.
 
Finestra bassa di una padrona crudele,
quanti sospiri mi hai fatto buttare.
Mi arde questo cuore, come una candela,
bella, quando ti sento nominare.
 
Oje piglia la 'sperienza de la neve.
La neve è fredda e se fa maniare.
E tu comme si' tanta aspra e crudele?
Muorto mme vide e nun mme vuó' ajutare?
 
Prendi l'esperienza della neve.
La neve è fredda e si ma toccare.
E tu come sei tanto aspra e crudele?
Mi vedi morto e non mi vuoi aiutare?
 
Vorría addeventare no picciuotto,
co na langella1 a ghire vennenn'acqua,
pe' mme ne jí da chisti palazzuotte.
Belli ffemmene meje, ah. Chi vó' acqua.
 
Vorrei diventare un bambino,
con una lancella1 andare a vendere acqua.
per andarmene via da questi palazzotti.
Belle donne mie, ah. Chi vuole acqua.
 
Se vota na nennella da llá 'ncoppa:
"Chi è 'sto ninno ca va vennenn'acqua?"
E io responno, co parole accorte:
"Só' lacreme d'ammore e non è acqua".
Si gira una ragazza da lì sopra:
"Chi è questo ragazzo che vende acqua?"
E io rispondo, con parole misurate:
"Sono lacrime d'amore e non è acqua".


Fenesta vascia è tratta da una canzone popolare napoletana molto antica, risalente al XVI secolo, scritta in dialetto, con metrica di endecasillabo, da un autore è ignoto. All’inizio del 1800 Giulio Genoino riadattò le parole al dialetto napoletano dell’epoca; ai versi si aggiunse la musica di Guglielmo Cottrau.
1 La lancella è un contenitore di terracotta dove l'acqua si manteneva fredda.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia