FENESTA CA LUCIVE


(1842)


 
Fenesta ca lucive e mo nun luce,
sign'è ca nénna mia stace malata.
S'affaccia la surella e mme lu dice:
"Nennélla toja è morta e s'è atterrata".
 
Finestra che luccicavi e ora non luccichi,
è segno che la mia bambina è malata.
Si affaccia la sorella e me lo dice:
"La tua donna è morta ed è stata seppellita".
 
Chiagneva sempe ca durmeva sola,
mo dorme co' li muorte accompagnata.
 
Piangeva sempre perchè dormiva sola,
ora dorme in compagnia dei morti.
 
Va' dint' 'a cchiesa, e scuopre lu tavuto,
vide nennélla toja comm'è tornata.
Da chella vocca ca n'ascéano sciure,
mo n'esceno li vierme. Oh, che piatate.
 
Vai nella chiesa, e scopri la bara:
vedi com'è ritornata la tua bambina.
Da quella bocca da cui uscivano fiori,
ora ne escono vermi.. Oh, che pietà.
 
Zi' parrocchiano mio, ábbece cura,
na lampa sempe tienece allummata.
 
Sacerdote mio, abbine cura,
una candela tienile sempre accesa.
 
Addio fenesta, rèstate 'nzerrata
ca nénna mia mo nun se pò affacciare.
Io cchiù nun passarraggio pe' 'sta strata.
Vaco a lo camposanto a passíare.
 
Addio finestra, resta chiusa
che ora la mia bambina non si può affacciare.
Io non passerò più per questa strada.
Vado al cimitero a passeggiare.
 
'Nzino a lo juorno ca la morte 'ngrata,
mme face nénna mia ire a trovare.
Fino al giorno che la morte ingrata,
mi farà andare a trovare la mia bambina.

Un commento su “Fenesta ca lucive

  1. sono un amante di canzoni napolitane cantate da tenori.tutti anche tenori stranieri viva Larmonia.Edimparatela alla nuova ginerazione.saluti.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia