FRIDA


(F. Bongusto – 1962)


 
Frida,
t'aggio vuluto bene,
ma doppo tantu bbene,
te si' scurdata 'e me.
Frida,
bastava na parola,
detta 'a 'sta vocca toja,
pe' mme fá cunzulá.
 
Frida,
ti ho voluto bene,
ma dopo tanto bene,
ti sei dimenticata di me.
Frida,
bastava una parola,
detta da questa bocca tua,
per farmi consolare.
 
Chiagnarraje accussí lacreme amare,
pagarraje accussí 'o mmale ca mme faje,
tutt' 'e ppene ca mme daje,
tutt' 'e ppene ca mme daje.
 
Piangerai così lacrime amare,
pagherai così il male che mi hai fatto,
tutte le pene che mi dai,
tutte le pene che mi dai.
 
Frida,
t'aggio vuluto bene,
ma doppo tantu bbene
te si' scurdata 'e me.

Te si' scurdata 'e me.
Frida,
ti ho voluto bene,
ma dopo tanto bene
ti sei dimenticata di me.

Ti sei dimenticata di me.

FRIDA


(F. Bongusto – 1962)


 
Frida,
t'aggio vuluto bene,
ma doppo tantu bbene,
te si' scurdata 'e me.
Frida,
bastava na parola,
detta 'a 'sta vocca toja,
pe' mme fá cunzulá.
 
Frida,
ti ho voluto bene,
ma dopo tanto bene,
ti sei dimenticata di me.
Frida,
bastava una parola,
detta da questa bocca tua,
per farmi consolare.
 
Chiagnarraje accussí lacreme amare,
pagarraje accussí 'o mmale ca mme faje,
tutt' 'e ppene ca mme daje,
tutt' 'e ppene ca mme daje.
 
Piangerai così lacrime amare,
pagherai così il male che mi hai fatto,
tutte le pene che mi dai,
tutte le pene che mi dai.
 
Frida,
t'aggio vuluto bene,
ma doppo tantu bbene
te si' scurdata 'e me.

Te si' scurdata 'e me.
Frida,
ti ho voluto bene,
ma dopo tanto bene
ti sei dimenticata di me.

Ti sei dimenticata di me.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia