GIUVANNE CU 'A CHITARRA


(Oliviero, Canzio – 1956)


 
'A sera, 'ncopp' 'e viche,
cu 'a chitarra, scenne pe' Tulèto.
Tene 'a cravatta gialla
e na giacchetta cu 'a spaccata arreto.
'E scarpe a varchetella
e nu cazone fatto a zompafuosso.
E chi s'avota 'a ccá,
e chi s'avota 'a llá
guardánnolo 'e passá.
 
Di sera, nei vicoli,
con la chitarra, scende per via Toledo.
Ha una cravatta gialla
e una giacchetta con uno spacco dietro.
Le scarpe a barchetta
e dei pantaloni non troppo lunghi.
E chi si gira di qua,
e chi si gira di là
guardandolo passare.
 
'O chiàmmano Giuvanne cu 'a chitarra
pecché sape cantá tutt' 'e ccanzone.
E' stato 'nnammurato 'e na figliola
che ll'ha lassato miezo scumbinato.
E porta 'e sserenate a 'e 'nnammurate.
Pe' ciento lire canta "Anema e core",
pe' cincuciento fa ll'americano:
s'arrangia a 'mpapucchià "Johnny Guitar".
'O chiámmano Giuvanne cu 'a chitarra
e pare 'o pazzariello d' 'e ccanzone.
 
Lo chiamano Giovanni con la chitarra
perchè sa cantare tutte le canzoni.
E' stato il fidanzato di una ragazza
che l'ha lasciato allo sbando.
E canta le serenate agli innamorati.
Per cento lire canta "Anema e core",
per cinquecento fa l'americano:
si arrangia per ingannare "Johnny Guitar".
Lo chiamano Giovanni con la chitarra
e sembra un menestrello.
 
Na sera fuje chiammato,
pe' na festa, sott'a nu balcone
ô vico Scassacocchi1.
Primmo piano, 'ncopp'a nu lampione.
'A mana lle tremmaje
'sta serenata jéva a Margarita.
Cu 'sta chitarra ccá,
tu mo che cante a fá?
Pe' chi se vò' spassá?
 
Una sera fu chiamato,
per una festa, sotto ad un balcone
al vicolo Scassacocchi1.
Primo piano, su un lampione.
La mano gli tremò
questa serenata era per Margherita.
con questa chitarra,
tu ora che canti a fare?
Per chi si vuole divertire?
 
'O chiámmano Giuvanne cu 'a chitarra
pecché sape cantá tutt' 'e ccanzone.
'A cumitiva allèra e ll'emozione
'o fa cantá, chiagnenno, "Core 'ngrato".
Pe' chistu pretendente ammartenato
mo cade nu biglietto appassiunato
e s'arricorda, quanno da 'o balcone,
cadevano cucozze e 'nfamitá.
E canta po' Giuvanne cu 'a chitarra
cu 'a vocca amara e cu na funa 'nganna.
 
Lo chiamano Giovanni con la chitarra
perchè sa cantare tutte le canzoni.
La comitiva allegra e l'emozione
lo fa cantare, piangendo, "Core 'ngrato".
Per questo pretendente innamorato
ora cade un biglietto appassionato
e si ricorda, quando da un balcone,
cadevano zucchine e infamie.
E canta poi Giovanni con la chitarra
con la bocca amara e con la fune al collo.
 
Na sera pe' Tuleto
n'ombra scura saglie 'a copp' 'e viche.
Giuvá' che ce vuó' fá?
'A vita è chesta ccá,
cucozze e 'nfamitá.
Una sera per via Toledo
un'ombra scura sale per questi vicoli.
Giovanni che ci vuoi fare?
questa la vita:
zucchine e infamie.


1 Vicolo del centro storico di Napoli. Il suo nome deriva dal fatto che tempo fa erano presenti molte rivendite di ricambi per carri e carrozze. Altra ipotesi vuole che il vicolo si chiami così a causa della sua ristrettezza che causava spesso danni alle carrozze in transito.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia