GRARELLE 'E POSITANO


musica Armando Ferraro testo Salvatore Tolino


 
Grarélle 'e Positano,
vuje ca v'arrampecate 'mmiez'ô vverde,
vuje ca tuccate 'nzieme 'o cielo e 'o mare
e mme facite sbattere stu core.
 
Scale di Positano,
voi che vi arrampicate nel verde,
voi che toccate sia il mare che il cielo
e mi fate battere forte questo cuore.
 
Grarélle 'e Positano,
ca ve stennite, a ghiuorno, sott' 'o sole
e v'addurmite, 'a sera, 'nfunn'ô mare,
pigliáteve stu palpito d'ammore
ca vò' smaniá p' 'o vverde d' 'e ciardine,
se vò' 'ncantá
pe' ll'oro d' 'e llimone
e se vò' tappezzá cu 'e rrose,
'int'a ll'está'.
 
Scale di Positano,
che vi svegliate, di giorno, sotto il sole
e vi addormentate, di sera, in fondo al mare,
prendetevi questo palpito d'amore
che vuole smaniare per il verde dei giardini,
si vuole incantare
per l'oro dei limoni
e se vuole tappezzare con le rose,
in estate.
 
Grarélle 'e Positano,
facitelo 'mbriacá cu 'sta canzone
ca sape d'erba 'aruta e addora 'e mare.
Purtátelo, cu vuje, 'mbracci'a ll'ammore.
 
Scale di Positano,
fatelo ubriacare con questa canzone
che sa di ruta e profuma di mare.
Portatelo, con voi, in braccio all'amore.
 
Si vò' sunná,
saglitavillo 'ncielo.
Si vò' cantá,
purtatavillo a mare.
 
Se vuole suonare,
fatelo salire in cielo.
se vuole cantare,
portatelo al mare.
 
Grarélle 'e Positano,
grarélle 'e Positano.
Scale di Positano,
scale di Positano.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia