GUAGLIONE


(Nisa, Fanciulli – 1956)


 
Staje sempe ccá, 'mpuntato ccá,
'mmiez'a 'sta via,
nun mange cchiù, nun duorme cchiù,
che pecundría.
Gué piccerí' che vène a dí
'sta gelusia?
Tu vuó' suffrí,
tu vuó' murí,
chi t' 'o ffá fá.
 
Sei sempre qui, piazzato qui,
in mezzo a questa strada,
non mangi più, non dormi più,
che tristezza.
Ehi piccolo, che vuol dire
questa gelosia?
Tu vuoi soffrire,
tu vuoi morire,
chi te lo fa fare.
 
Curre 'mbraccio addu mammá,
nun fá 'o scemo piccerí',
dille tutt' 'a veritá
ca mammá te pò capí.
 
Corri tra le braccia della mamma,
non fare lo scemo piccolo,
dille tutta la verità
che la mamma ti può capire.
 
E passe e spasse sott'a stu barcone,
ma tu si' guaglione.
Tu nun canusce 'e ffemmene,
si' ancora accussí giovane.
Tu si' guaglione.
Che t'hê miso 'ncapa?
Va' a ghiucá 'o pallone.
Che vònno dí sti llacreme?
Vatté', nun mme fá ridere.
 
E passi e ripassi sotto a questo balcone,
ma tu sei un ragazzo.
Tu non conosci le donne,
sei ancora così giovane.
Tu sei ragazzo.
Cosa ti sei messo in testa?
Vai a giocare a pallone.
Cosa vogliono dire queste lacrime?
Va via, non farmi ridere.
 
Curre 'mbraccio addu mammá,
nun fá 'o scemo piccerí',
dille tutta 'a veritá
ca mammá te pò capí.
 
Corri tra le braccia della mamma,
non fare lo scemo piccolo,
dille tutta la verità
che la mamma ti può capire.
 
Nun 'e ppittá, nun 'allisciá
sti mustacciélle.
Nun cerca a te, nun só' pe' te
chill'uocchie belle.
Nun 'a penzá, va' a pazziá
cu 'e guagliunciélle.
Nun t'avvelí,
c'è tiempo oje ni',
pe' te 'nguajá.
 
Non li sistemare, non li lisciare
questi baffetti.
Non cerca te, non sono per te
quegli occhi belli.
Non pensarla, vai a giocare
con le ragazzine.
Non avvilirti,
c'è tempo, oh bambino,
per inguaiarti.
 
Chi desidere 'e vasá,
scordatélla, piccerí',
ca si 'o ddiceno a papá,
chisá comme va a ferní.
 
Chi desideri baciare,
dimenticala, piccolo,
che se lo dicono a papà,
chissà come va a finire.
 
E passe e spasse sott'a stu barcone,
…………………………………………..
 
E passi e ripassi sotto a questo balcone,
………………………………………………
 
Staje sempe ccá, 'mpuntato ccá,
'mmiez'a 'sta via.
Nun mange cchiù, nun duorme cchiù,
chi t' 'o ffá fá.
Sei sempre qui, piazzato qui,
in mezzo a questa strada,
non mangi più, non dormi più,
chi te lo fa fare.

Un commento su “Guaglione

  1. Ho trovato in questa poesia lo spirito dell’università che sto frequentando: aiutare se stessi per poter aiutare gli altri, partendo dal punto di vista che è con l’Altro che cresco e mi evolvo, quindi, quando “so di non sapere” sono consapevole della mia fragilità, allora posso chiedere aiuto e, con il tempo l’aiuto che ho ricevuto e che mi ha fatto evolvere, posso utilizzarlo per aiutare ad evolvere altre persone. Questa dovrebbe essere l’attenzione che si dovrebbe avere nei confronti dei ragazzi, i cosiddetti adolescenti, che vivono in una realtà densa e allo stesso tempo liquida…..ok, spero di non aver annoiato nessuno…grazie!!!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia