GUAPPO? NO


musica Ernesto Tagliaferri testo Francesco Fiore – 1918


 
Guappo1? No, nun sóngo guappo,
ma si stóngo fatto a vino,
quacche sera ca t'acchiappo,
faccio overo 'o malandrino.
 
Guappo1? No, Non sono guappo,
ma se sono ubriaco,
qualche sera che ti prendo,
faccio davvero il malandrino.
 
E te dico: "Ccá stóngo i',
si pe' st'uocchie aggi' 'a murí,
si pe' te mm'aggi' 'a danná,
figlia mia, t' 'o ppuó' scurdá.
 
E ti dico: "Qui ci sono io,
se per questi occhi devo morire,
se per te mi devo dannare,
figlia mia, te lo puoi scordare.
 
Io só' giovane e só' forte
e mm'appícceco cu 'a morte
pe' campá".
 
Io sono giovane e sono forte
e litigo con la morte
per campare".
 
Tu si' bella e nun mme siente.
Io só' brutto. E pe' fá 'o bello
mme 'mbriaco e, si mme tiente,
t'accarezzo cu 'o curtiello.
 
Tu sei bella e non mi ascolti.
Io sono brutto. E per fare il bello
mi ubriaco e, se mi tenti,
ti accarezzo col coltello.
 
E po' dico: "Ccá stóngo i',
si pe' st'uocchie aggi' 'a murí,
si pe' te mm'aggi'a danná,
figlia mia, t' 'o ppuó' scurdá.
 
E poi dico: "Qui ci sono io,
se per questi occhi devo morire,
se per te mi devo dannare,
figlia mia, te lo puoi scordare.
 
Io t'accido e nun mme 'mporta,
ca te voglio pure morta
'mbraccio a me".
 
Io ti uccido e non mi importa,
perchè ti voglio anche da morta
in braccio a me".
 
Guappo? No, nun sóngo guappo
e nun stóngo fatto a vino.
Cchiù te tremmo e mme ne scappo,
cchiù te sento e mm'avvicino.
 
Guappo? No, Non sono guappo
e non sono ubriaco.
Più tremo e scappo,
più ti sento e mi avvicino.
 
E te dico: "Stóngo ccá,
si pe' te mm'aggi' 'a danná,
si pe' st'uocchie aggi' 'a murí,
io só' pronto a dí ca ssí.
 
E ti dico: "Qui ci sono io,
se per te mi devo dannare,
se per questi occhi devo morire,
io sono pronto a dire di sì.
 
'Nnanze a te nun faccio 'o forte
e si vuó', mm'abbraccio 'a morte
pe' murí".
Davanti a te non faccio il forte
e se vuoi, abbraccio la morte
per morire".


1 Il guappo è una figura tipica dell'universo popolare napoletano. Originariamente, rappresenta l'immagine dell'uomo d'onore gentiluomo e romantico, pronto a dirimere le controversie tra le persone e a convincere i giovanotti che avevano messo incinta qualche ragazza a mettere la testa a posto e a sposarla. La parola "guappo" deriva dallo spagnolo "guapo" (bello), origine dovuta al fatto che il guappo si è sempre distinto per l'abbigliamento curato e eccessivo, una postura particolare tesa all'ostentazione di se stesso e una cura maniacale del proprio aspetto fisico. Nel 1900, la figura del guappo comincia ad essere associata alla criminalità organizzata, diventa un imprenditore criminale che svolge soprattutto attività di controllo sui commerci di prodotti ortofrutticoli, molto violento con i suoi avversari e, di contro, molto protettivo con i suoi adepti.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia