HO COMPRATO LA CACCAVELLA


(Concina – 1950)


 
Ho comprato la caccavella1,
ho comprato la caccavella,
la caccavella.
Per l'amore della mia bella,
per l'amore della mia bella,
della mia bella.
Se la luna mi guarda e balla
con quel viso di pastafrolla,
di pastafrolla.
Me ne infischio pure di quella.
Canto questa serenatella
alla mia bella.
 
Ho comprato la caccavella1,
ho comprato la caccalvella,
la caccavella.
Per l'amore della mia bella,
per l'amore della mia bella,
della mia bella.
Se la luna mi guarda e balla
con quel viso di pasta frolla.
di pasta frolla.
Me ne infischio pure di quella
Canto questa serenatella
alla mia bella.
 
Dimme, dimme, chi t'ha fatto,
chi ha commesso stu delitto.
Io só' cotto, só' stracotto,
faccio ll'uocchie 'e pesce fritto.
Pure 'a notte, dint' 'o lietto,
mm'arrevoto, zompo e scatto.
Io pe' te mme comprometto.
Parola d'onor.
Parola d'onor.
 
Dimmi, dimmi, chi ti ha fatto,
chi ha commesso questo delitto.
Io sono cotto, sono stracotto,
faccio gli occhi da pesce fritto.
Anche di notte, nel letto,
mi giro, salto e scatto.
Io per te mi comprometto.
Parola d'onore.
Parola d'onore.
 
Sóngo stato da lu curato,
songo stato da lu curato.
Gli ho confessato
che, per colpa della mia bella,
io mme sfogo cu 'a caccavella,
cu 'a caccavella.
Mm'ha risposto lu buon curato:
"Tu, fratello, sei rovinato,
tu sei inguajato.
Nell'amore ci vuol pazienza,
devi fare la penitenza.
Tre giorni senza".
 
Sono stato dal curato,
Sono stato dal curato.
Gli ho confessato
che, per colpa della mia bella,
io mi sfogo con la caccavella,
con la caccavella.
Mi ha risposto il buon curato:
"Tu, fratello, sei rovinato,
tu sei inguaiato:
in amore ci vuol pazienza,
devi fare la penitenza.
Tre giorni senza".
 
Si tu vuó' te dóngo tutto,
pure 'o core ca sta 'mpietto
io t' 'o metto dint' 'o piatto.
Domenicantò'.
Domenicantò'.
 
Se vuoi ti do tutto,
anche il cuore che sta in petto
io te lo metto nel piatto.
Domenicantò'.
Domenicantò'.
 


Nella versione di Nino Taranto:


 
Dimme dimme chi t'ha fatto,
Io per te stó' sempre afflitto,
'o vestito, ch'era stretto,
mo è cchiù largo d' 'o cappotto.
 
Dimmi dimmi chi ti ha fatto,
io per te sto sempre afflitto,
il vestito, ch'era stretto,
ora è più largo del cappotto.
 
Damme damme nu bacetto,
comme fosse nu biscotto,
io mme mastico 'o rrussetto.
Parola d'onor.
Parola d'onor.
 
Dammi dammi un bacetto,
come fosse un biscotto,
io mi mastico il rossetto.
Parola d'onore.
Parola d'onore.
 
Pe' st'ammore faccio tutto,
faccio 'o ladro e 'o poliziotto,
faccio 'o fesso e 'o farabutto,
piglio i numeri per il lotto.
 
Per questo amore faccio tutto,
faccio il ladro e il poliziotto,
faccio il fesso e il farabutto,
prendo i numeri per il lotto.
 
Piglio la rogna e me la gratto,
mi fo crescere lu pizzetto,
vado a spasso con un gatto,
ballo la samba a capa sotto.
 
Prendo la rogna e me la gratto,
mi faccio crescere il pizzetto,
vado a spasso con un gatto,
ballo la samba a testa in giù.
 
Se mi metti nu cornetto,
se mi chiamano merlotto,
só' Cornelio e mme stó' zitto,
Carlo Mazza e mme ne fotto.
 
Se mi metti un cornetto,
se mi chiamano merlo,
sono Cornelio e sto zitto,
Carlo Mazza e me ne frego.
 
Ci sposiamo con un patto,
che se nasce nu pupetto
io lo cresco e mme ll'allatto.
Parola d'onor.
Parola d'onor.
Parola d'onor.
Ci sposiamo con un patto,
che se nasce un bambino
io lo cresco e me lo allatto.
Parola d'onore.
Parola d'onore.
Parola d'onore.


1 La caccavella è uno strumento musicale creato dalla fantasia folkloristica napoletana che, per onomatopea, assume anche il nome di "putipù". Si tratta di un tamburo a frizione costituito da una cassa acustica, una membrana di pelle e una canna di bambù. La cassa acustica può essere un tegame, un mastello di legno o un barattolo di latta. Nella membrana, fissata ai bordi della cassa, viene applicato un foro in cui si inserisce il bambù. Sfregando la canna di bambù con la mano o una spugnetta inumidita, si imprimono vibrazioni alla membrana e, di conseguenza, all'aria contenuta nella cassa, producendo il suono caratteristico.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia