I' MM'ARRICORDO 'E TE


(G. De Curtis, E. De Curtis – 1911)


 
I' mm'arricordo 'e te,
quanno stó' vicino ô mare.
Quanno ll'onna, chianu chiano,
vasa 'a rena e po' scumpare.
E po' torna a s' 'a vasá.
 
Io mi ricordo di te,
quando sto vicino al mare.
Quando l'onda, piano piano,
bacia la sabbia e poi scompare.
E po' torna a baciarla.
 
I' mm'arricordo 'e te,
Lucia, Lucí'.
A quínnece anne mme diciste "Sí".
 
Io mi ricordo di te,
Lucia, Lucia.
A quindici anni mi dicesti "Sì".
 
I' mm'arricordo 'e te,
quanno 'o sole è penetrante
e se 'mmira 'ncopp'a ll'acqua.
Chelli luce 'e diamante,
fanno male d' 'e gguardá.
 
Io mi ricordo di te,
quando il sole è forte
e si specchia sull'acqua.
Quelle luci di diamante,
fanno male a guardarle.
 
I' mm'arricordo 'e te,
Lucia, Lucí'.
A sídece anne mme diciste "Sí".
 
Io mi ricordo di te,
Lucia, Lucia.
A sedici anni mi dicesti "Sì".
 
I' mm'arricordo 'e te,
quann'è doppo ch'ha chiuvuto
e mme trovo p' 'a campagna.
Sento 'addore d' 'a salute,
sento 'a vita, 'a giuventù.
 
Io mi ricordo di te,
appena dopo piovuto
e mi trovo per la campagna.
Sento odore di salute,
sento la vita, la gioventù.
 
I' mm'arricordo 'e te,
Lucia, Lucí'.
E mo pecché nun dice ancora "Sí"?
Io mi ricordo di te,
Lucia, Lucia.
E ora perchè non dici ancora "Sì"?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia