INDIFFERENTEMENTE


(U. Martucci, S. Mazzocco - 1963)


 
Tramonta 'a luna
e nuje, pe' recitá ll'ùrdema scena,
restammo mane e mane,
senza tené 'o curaggio 'e ce guardá.
 
Tramonta la luna
e noi, per recitare l'ultima scena,
restiamo mano nella mano,
senza avere il coraggio di guardarci.
 
Famme chello che vuó'
indifferentemente,
tanto 'o ssaccio che só'.
Pe' te nun só' cchiù niente.
E damme stu veleno,
nun aspettá dimane
ca, indifferentemente,
si tu mm'accide nun te dico niente.
 
Fammi quello che vuoi
indifferentemente,
tanto lo so che sono.
Per te non sono più niente.
E dammi questo veleno,
non aspettare domani
che, indifferentemente,
se tu mi uccidi non ti dico nulla.
 
E ride pure,
mentre mme scippe 'a pietto chistu core?
Nun sento cchiù dulore
e nun tengo cchiù lacreme pe' te.
 
E ridi pure,
mentre mi strappi dal petto questo cuore?
Non sento più dolore
e non ho più lacrime per te.
 
Famme chello che vuó'
………………………….

E indifferentemente io perdo a te.
Fammi quello che vuoi
…………………………

E indifferentemente io perdo te.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia