IO, NA CHITARRA E 'A LUNA


(E. A. Mario – 1913)


 
Vatténne core mio, vatténne sulo
p' 'e vvie sulagne.
Chisá, te cagne mo ca si' figliulo,
chisá, te cagne.
 
Vattene cuore mio, vattene solo
per le vie solitarie.
Chissà, ti cambio ora che sei ancora figliolo,
chissà, ti cambio.
 
E, giá ca tu si' nato cantatore,
va' e canta si staje triste o 'e buonumore.
 
E, già che tu sei nato cantante,
vai e canta se sei triste o di buon umore.
 
Canta pe' te.
Canta pe' te
e nun chiammá a nisciuna,
tu, na chitarra e 'a luna.
 
Canta per te.
Canta per te
e non chiamare nessuna,
Tu, una chitarra e la luna.
 
E nun te fá vení 'a malincunía
p' 'e vvie ca sanno
chi, pe' 'nganná, veneva 'ncumpagnia
cu'mmé cantanno.
 
E non farti venire la malinconia
per le vie che conoscono
chi, per ingannare, veniva in compagnia
con me cantando.
 
E, si mme tremma, 'ncopp' 'e ccorde, 'a mano
siéguete a cammená. Va' cchiù luntano.
 
E, se mi trema, sulle corde, la mano
continua a camminare. vai più lontano.
 
Canta pe' te.
Canta pe' te
senza penzá a nisciuna,
tu, na chitarra e 'a luna.
 
Canta per te.
Canta per te
senza pensare a nessuna,
tu, una chitarra e la luna.
 
E si truove a quaccuno e dice: "E comme,
tu sulo? E chélla?"
E si te dice 'e chélla pure 'o nomme,
tu, scordatélla.
 
E se trovi qualcuno che dice: "E come,
tu solo? E quella?"
E se di quella ti dice anche il nome,
tu, scordatela.
 
E si chistu quaccuno fosse 'Ammore
cágnate nomme e di': "State in errore.
 
E se questo qualcuno fosse l'Amore
cambiati nome e dici: "State sbagliando.
 
Canto pe' me.
Canto pe' me,
nun voglio cchiù a nisciuna,
io, na chitarra e 'a luna".
Canto per me,
canto per me,
non voglio più a nessuna,
Io, una chitarra e la luna".

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia