LA CAMMESELLA


(Melbero, Stellato – 1857)


 
E lèvate 'o mantesino.

'O mantesino, gnernò, gnernò.

E lèvate 'o mantesino.

'O mantesino, gnernò, gnernò.

 
E levati il grembiule.

Il grembiule no, no.

E levati il grembiule.

Il grembiule no, no.

 
Si nun t' 'o vuó' levá,
mme sóso e mme ne vaco da ccá
Si nun t' 'o vuó' levá,
mme sóso e mme ne vaco da ccá.
 
Se non te lo vuoi togliere,
mi alzo e me ne vado da qua.
Se non te lo vuoi togliere,
mi alzo e me ne vado da qua.
 
E tèh, mme ll'aggio levato,
Ciccillo, cuntento, fa' chello ca vuó'.
E tèh, mme ll'aggio levato,
Ciccillo, cuntento, fa' chello che vuó'.
Sia benedetta mámmema,
quanno mme maritò.
 
Ecco, me lo sono tolto,
Ciccino, contento, fai quello che vuoi.
Ecco, me lo sono tolto,
Ciccino, contento, fai quello che vuoi.
Sia benedetta mia madre,
quando mi fece sposare.
 
Sia benedetta mámmeta,
quanno te maritò.
 
Sia benedetta tua madre,
quando ti fece sposare.
 
E lèvate 'a vesticciolla.
…………………………
 
E levati il vestito.
…………………..
 
E lèvate 'o suttanino.
………………………..
 
E levati la sottoveste.
………………………..
 
E lèvate stu curzetto.
…………………………
 
E levati questo corpetto.
…………………………….
 
E lèvate 'a cammesella.
………………………….
 
E levati la camicetta.
……………………….
 
E damme, Ceccè', nu vasillo.
………………………………..
E dammi, Ciccina, un bacio.
……………………………….

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia