LA PALUMMELLA


(1700, rielaborazione attribuita a Bolognese nel 1869)


 
Palummella, zompa e vola
addó' sta nennélla mia.
Non fermarte pe' la via,
vola, zompa a chella llá.
 
Farfallina, salta e vola
dove sta la bambina mia.
Non fermarti per la via
vola, salta da quella lì.
 
Co' li scelle,
la saluta.
Falle festa,
falle festa
attuorno attuorno.
E ll'hê 'a dí
ca, notte e ghiuorno,
io stó' sempe,
io stó' sempe
a sospirá.
 
Con le ali,
salutala.
Falle festa,
falle festa
intorno intorno.
E dille
che, notte e giorno,
io sto sempre
io sto sempre
a sospirare.
 
Palummella, vola vola
a la rosa de 'sto core.
Non ce sta cchiù bello sciore
che t'avesse da piacé.
 
Farfallina, vola vola
verso la rosa di questo cuore.
Non c'è più bel fiore
che ti possa piacere.
 
'A ll'addore,
ca tu siente,
'a chill'uocchie,
'a chill'uocchie,
'a chillo riso
credarraje,
ca, 'mparaviso,
tu si' ghiuta,
tu si' ghiuta,
oje palummé'.
 
Dal profumo,
che senti,
da quegli occhi,
da quegli occhi,
da quel sorriso
crederai,
che, in paradiso,
sei finita,
sei finita,
o farfallina.
 
A lu labbro curallino,
palummé', va', zompa e vola.
'Ncopp'a chillo te cunzola
e maje cchiù non te partí.
 
Verso le labbra coralline,
farfallina, vai, salta e vola.
Su quello ti consola
e non te ne andare mai più.
 
Ma si vide
ca s'addorme
e te vène,
e te vène,
lo tantillo
tu ll'azzecca
no vasillo
e pe' me,
e pe' me,
n'auto porzí.
Ma se vedi
che si addormenta
e ti viene,
e ti viene,
il desiderio
tu gli dai
un bacino
da parte mia,
da parte mia,
un altro così.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia