LA ROSA


(M. D’Arienzo, Mercadante – 1848)


 
Nennì, nennì, vattenne!
No’ sta cchiù a suspirà!
Sta rosa ca pretienne
manco la può guardà!
Cercame tu no squaso,
no squaso te lo do,
nennì, porzì no vaso…
Ma chesta rosa, no! Nennì.
 
Bambino, bambino, vattene!
Non star più a sospirare!
Questa rosa che desideri
non la puoi neanche guardare.
Chiedimi tu una carezza,
una carezza te la do,
bambino, persino un bacio…
Ma questa rosa, no! Bambino.
 
Vattenne, vattenne,
no’ sta chiù a sospirà.
Nennì, nennì,
no… no’ sta chiù a sospirà
 
Vattene, vattene,
non stare più a sospirare.
Bambino, bambino,
no… non stare più a sospirare
 
Te pare no portiento
che accossì fresca sta?
Ma è stato ca lo viento,
manco addorata l’ha.
Cresciuta essa è p’ ‘ammore,
e ammore la può ddà: nennì.
Quanno te do lo core
sta rosa toja sarà, nennì.
 
Ti sembra un portento
che così fresca sta?
Ma è stato il vento,
che neanche l’ha annusata.
Lei è cresciuta per l’amore
e amore può dare, bambino.
Quando ti do il cuore
questa rosa tua sarà, bambino.
 
Vattenne, vattenne,
no’ sta chiù a sospirà.
Nennì, nennì,
no… no’ sta chiù a sospirà
 
Vattene, vattene,
non stare più a sospirare.
Bambino, bambino,
no… non stare più a sospirare
 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia