LARIULA'


(Di Giacomo, Costa – 1888)


 
Lui:

Frutto 'e granato mio, frutto 'e granato,
quanto t'aggio stimato a tiempo antico.
Tiénete 'o muccaturo arricamato,
tutta 'sta rrobba mia t' 'a benedico.
 
Lui:

Frutto di melograno mio, frutto di melograno,
quanto ti ho stimato in tempo passato.
Prenditi il fazzoletto ricamato,
tutta questa mia roba te la benedico.
 
Lei:

Quanto si' bello e quanto si' curtese.
Io t'ero indifferente e mo se vede.
Tècchete 'o muccaturo 'e seta ingrese,
fossero accise ll'uommene e chi 'e ccrede.

Fossero accise ll'uommene ('e ffemmene)
e chi 'e ccrede.
 
Lei:

Quanto sei bello e come sei cortese.
Io ti ero indifferente ed ora si vede.
Eccoti il fazzoletto di seta inglese,
che fossero uccisi gli uomini e chi gli crede.

Che siano uccisi gli uomini (le donne)
e chi crede loro.
 
Ah, lariulá,
lariu – lariu – lariulá.
Ll'ammore s'è addurmuto
nun 'o pòzzo cchiù scetá.
 
Ah, lariulá,
lariu – lariu – lariulá.
L'amore si è addormentato
non lo posso più svegliare.
 
Ah, lariulá,
lariu – lariu – lariulá.
Ll'ammore s'è addurmuto
nun 'o pòzzo cchiù scetá.
 
Ah, lariulá,
lariu – lariu – lariulá.
L'amore si è addormentato
non lo posso più svegliare.
 
Lui:

E quanno è chesto, siente che te dico:
io faccio 'ammore cu na farenara.
Tène nu magazzino 'int'a nu vico,
ll'uocchie ca tène só' na cosa rara.
 
Lui:

Se è così, ascolta cosa ti dico:
io sono fidanzato con una venditrice di farina.
Ha un magazzino in un vicolo,
Gli occhi che ha sono una cosa rara.
 
Lei:

E quanno è chesto: io pure faccio 'ammore
e a n'atu ninno mo tengo 'o penziero.
S'erano date a fuoco ánema e core,
mme só' raccummannata a nu pumpiere.

Mme só' raccumannata (raccumannato)
a nu pumpiere.
 
Lei:

Se è così: anch'io sono fidanzata
e un altro giovanotto rivolgo il mio pensiero.
Si erano incendiate anima e cuore,
mi sono raccomandata ad un pompiere.

Mi sono raccomandata (raccomandato)
ad un pompiere.
 
Ah, lariulá
………….
 
Ah, lariulá
………….
 
Lui:

Ah, vocca rossa comm'a nu granato.
Chi 'o ssape 'o tiempo antico si è fernuto?
Chello ch'è certo è ch'io stó' frasturnato,
e 'o sapore d' 'o ppane aggio perduto.
 
Lui:

Ah, bocca rossa come un melograno.
Chi sa se il tempo antico è finito?
Quello che è certo è che sono frastornato,
e il sapore del pane ho perso.
 
Lei:

Si' stato sempe bello e 'ntussecuso,
e pure, siente, vide che te dico,
nun mme ne 'mporta ca si' furiuso.
Voglio campá cu te, murí cu tico.

Voglio campá cu te, murí cu tico.
 
Lei:

Sei sempre stato bello e irascibile,
eppure, vedi, ascolta quello che ti dico,
non mi importa che sei furioso.
Voglio vivere con te, morire con te.

Voglio vivere con te, morire con te.
 
Ah, lariulá
………….
Ah, lariulá
………….

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia