LASSAMMOCE, MARI'


(P. De Filippo – 1966)


 
Sí capisco ca ll'ammore
passa e 'o tiempo 'o fa cagná
e ca resta dint' 'o core
nu ricordo 'e falsitá.
 
Si, capisco che l'amore
passa ed il tempo lo fa cambiare
e che rimane nel cuore
un ricordo di falsità.
 
Ma però, si se vò' bene,
tanto e cu sinceritá,
nun ce sta tiempo ca vène
ca st'ammore fa scurdá.
 
Però, se si vuole bene,
tanto e con sincerità,
non c'è tempo che venga
che questo amore faccia dimenticare.
 
Che t'aggi' 'a dí?
Fa' chello che vuó' tu,
nun voglio cchiù suffrí.
Lássame 'mpace.
Che pòzzo fá?
Lassámmoce accussí,
si nun mme saje cchiù dí
parole doce.
Senza cchiù te,
senza cchiù te vedé
chi sa che ne succede 'e me.
Ma senza ammore è inutile,
nun ce se pò cchiù 'ntènnere.
Lassámmoce, Marí'.
Che ti devo dire?
fai quello che vuoi tu,
no voglio più soffrire.
Lasciami in pace.
Che posso fare?
lasciamoci così,
se non sai più dirmi
parole dolci.
Senza più te,
senza più vederti
chissà che cosa mi succederà.
Ma senza amore è inutile,
non ci si può più capire.
Lasciamoci, Maria.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia