LAZZARELLA


(Pazzaglia, Modugno – 1957)


 
Cu 'e libbre sott' 'o vraccio
e 'a camicetta a fiore blu,
vuó' fá 'a signurenella
'nnanz'â scola pure tu.
Te piglie 'a sigaretta
quann' 'accatte pe' papá,
te miette giá 'o rrussetto
comme vide 'e fá a mammá.
Lazzarè'.
 
Con i libri sotto braccio
e la camicetta a fiori blu,
vuoi fare la signorina
davanti alla scuola anche tu.
Ti prendi una sigaretta
quando le compri per papà,
metti già il rossetto
come vedi fare alla mamma.
Lazzarella.
 
Ma Lazzarella comme si'?
Tu a me mme piace sempe 'e cchiù,
e vengo apposta pe' t' 'o ddí,
vicino â scola d' 'o Gesù.
Tu invece mme rispunne: "Eggiá,
io devo retta proprio a te.
Pe' me ll'ammore pó aspettá,
che n'aggi' 'a fá? Nun fa pe' me".
 
Ma Lazzarella come sei?
Tu mi piaci sempre di più,
e vengo apposta per dirtelo,
vicino alla scuola del Gesù.
Tu invece mi rispondi: "E certo,
io davo retta proprio a te.
Per me l'amore può aspettare,
che ne devo fare? Non fa per me".
 
Ah, Lazzarella.
Ventata 'e primmavera.
Quanno passe tutt' 'e mmatine,
giá te spiecchie dint' 'e vvetrine,
sulo nu cumplimento te fa avvampá.
Ma Lazzarella comme si',
tu nun mme pienze proprio a me,
e ride pe' mm' 'o ffá capí
ca perdo 'o tiempo appriess'a te.
 
Ah, Lazzarella.
Ventata di primavera.
Quando passi tutte le mattine,
già ti specchi nelle vetrine,
solo un complimento ti fa arrossire.
Ma Lazzarella come sei,
tu non pensi proprio a me,
e ridi per farmelo capire
che perdo tempo con te.
 
Mo vène nu studente
'nnanz'â scola d' 'o Gesù,
te va sempe cchiù stretta
'a camicetta a fiore blu.
Te piglie quatto schiaffe
tutt' 'e vvote ca papá,
te trova nu biglietto
ca te scrive chillu llá.
Lazzarè'.
 
Ora arriva uno studente
davanti alla scuola del Gesù,
ti è sempre più stretta
la camicetta a fiori blu.
Ti becchi quattro schiaffi
tutte le volte che papà,
ti trova un biglietto
che ti scrive quello là.
Lazzarella.
 
Ma Lazzarella comme si',
ce si' caduta pure tu.
Ll'ammore nun te fa mangiá,
te fa suffrí, te fa penzá.
Na sera tu lle dice: "No",
na sera tu lle dice: "Ma".
Ma si nu vaso te vò' dá
faje segno 'e "sí", senza parlá.
 
Ma Lazzarella come sei,
ci sei cascata anche tu.
L'amore non ti fa mangiare,
ti fa soffrire, ti fa pensare.
Una sera gli dici: "No"
Una sera gli dici: "Ma"
ma se un bacio ti vuol dare
fai segno di "sì" senza parlare.
 
Ah, Lazzarella,
'o tiempo comme vola.
Mo te truove tutt' 'e mmatine,
chino 'e lacreme stu cuscino.
Manco na cumpagnella te pò aiutá.
Ma Lazzarella comme si'?
Te si' cagnata pure tu.
E te pripare a di' stu "Sí",
ma dint' 'a cchiesa d' 'o Gesù.
Ah, Lazzarella,
il tempo come vola.
Ora ti ritrovi tutte le mattine,
pieno di lacrime questo cuscino
Nemmeno un'amichetta ti può aiutare.
Ma Lazzarella come sei?
Sei cambiata anche tu.
E ti prepari a dire questo "Si",
ma nella chiesa del Gesù!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia