LAZZARI FELICI


(P. Daniele – 1984)


 
Simmo lazzari felici,
gente ca nun trova cchiù pace,
quanno canta se dispiace,
è sempe pronta a se vuttà
pe’ nun perdere l’addore.
 
Siamo lazzari felici,
gente che non trova più pace,
quando canta si commuove,
è sempre pronta a gettarsi
per non perdere l’odore.
 
Simmo lazzari felici,
male ‘e rine ma nun se dice,
musicante senza permesso ‘e ce guardà
e cu ‘e spalle sotto ‘e casce
nun se sente cchiù
l’addore ‘e mare,
c’ ‘o Volto Santo ‘mpietto
e ‘a guerra dint’ ‘e mmane
sapenno ca e’ fernuta.
 
Siamo lazzari felici
mal di schiena ma non si dice
musicanti senza permesso di guardarci
e con le spalle sotto le bare
non si sente più
il profumo del mare
con il santino di Gesù in petto
e la guerra nelle mani
sapendo che è finita.
 
Si haje ‘a ascì
po’ fatte ‘a croce,
cammenanno nun pô fa’ pace
aiza ‘a capa e so’ tutte ‘nciuce
ca nun se ponno acchiappa’,
e c’ ‘a faccia già scippata
‘a chesta musica ca è mariola
pe’ dinto ‘e carusielle,
s’arrobba ‘a vita e sona
sapenno ca è fernuta.
 
Se poi devi uscire
fatti il segno della croce
camminando non puoi fare pace
alzi la testa e sono solo inciuci
che non si possono prendere,
e con la faccia già graffiata
da questa musica che è ladra
dento i salvadanai,
ruba la vita e suona
sapendo che è finita.
 
E intanto passa ‘stu Noveciento
passammo nuje s’acconcia ‘o tiempo,
si arape ‘o stipo
saje addo’ staje
e nun te scurdà maje.
 
E intanto passa questo Novecento
passiamo noi si aggiusta il tempo,
se apri l’armadio
sai dove sei
e non ti dimenticare mai.
 
E intanto passa ‘stu Noveciento
cammisa ‘a fora
‘ncuorpo t’ ‘o ssiente,
e rieste allerta
tutt’ ‘a nuttata
penzanno a ‘ddò si’ stato,
penzanno a ‘ddò si’ stato.
 
E intanto passa questo Novecento
camicia di fuori
dento di te lo senti,
e resti in piedi
tutta la notte,
pensando a dove sei stato,
pensando a dove sei stato.
 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia