LL'ADDIO


(Bovio, Valente – 1923)


 
Che mm'hê purtata a fá cu te stasera?
T' 'avevo ditto: "Che mme puorte a fá?"
I' tengo 'a faccia janca cchiù d' 'a cera
e tu nun tiene 'a forza 'e mme parlá.
 
Che mi hai portato a fare con te stasera?
Ti avevo detto: "Che mi porti a fare?"
Io ho la faccia bianca più della cera
e non hai la forza di parlarmi.
 
Pusilleco.
Mandulinata 'e Napule
sunata da 'e ssirene.
 
Posillipo.
Mandolinata di Napoli
suonata dalle sirene.
 
Che mm'hê purtata a fá 'ncoppo Pusilleco,
si nun mme vuó' cchiù bene?
 
Che mi hai portato a fare a Posillipo,
se non mi vuoi più bene?
 
'O ssaccio, nun si' tu, ninno mio d'oro,
è 'o core tujo ca nun mme cura cchiù.
Ma nun avé paura ca, si moro,
io nun 'o ddico ca si' stato tu.
 
Lo so, non sei tu, bimbo mio d'oro,
è il tuo cuore che non mi pensa più.
Ma non avere paura che, se muoio,
io non lo dico che sei stato tu.
 
Pusilleco.
Mandulinata 'e Napule
sunata da 'e ssirene.
 
Posillipo.
Mandolinata di Napoli
suonata dalle sirene.
 
Che mm'hê purtata a fá 'ncoppo Pusilleco,
si nun mme vuó' cchiù bene?
Che mi hai portato a fare a Posillipo,
se non mi vuoi più bene?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia