LL'AMMORE 'NCAMPAGNA


(E. Murolo, V. Valente – 1909)


 
P' 'a strata campagnola va stu core,
canciello apierto, casarèlla chiara.
Nu vascio lindo e pinto 'e lavannara
e Matalèna cu 'e bbraccélle 'a fore.
 
Per la strada campagnola va questo cuore,
cancello aperto, casetta chiara.
Un vicolo pulito e ornato di lavanda
e Maddalena con le braccine di fuori.
 
Ll'arbero 'e fiche 'int' 'e ccampagne addóra
e vola 'a luce-luce a primma sera
e na massarianta cantatóra,
zappa na vigna e canta allèra allèra:
 
L'albero di fichi nelle campagne profuma
e vola la lucciola alla sera
e una contadina cantante,
zappa nella vigna e canta allegra allegra:
 
"Ca tu n' 'o cacce, Ammore sempe vénce
e 'mbracci'a ninno, oje mamma,
portamménce,
oje portamménce".
 
"Anche se lo mandi via, Amore vince sempre
e in braccio al mio bimbo, oh mamma,
mi porta,
oh mi porta".
 
Io ll'aggio ditto ca só' de buon core,
ca só' assignato e tengo quacche lira.
Essa mm'ha ditto ca pe' me suspira,
ch'è zetelluccia e senza genitore.
 
Io l'ho detto che sono di buon cuore,
che sono assennato e ho qualche lira.
Lei mi ha detto che per me sospira,
che è sola e senza genitori.
 
E penza a me quanno 'a campagna addóra
e vola 'a luce-luce a primma sera
e quanno 'a parzunala cantatóra,
zappa na vigna e canta allèra allèra:
 
E pensa a me quando la campagna profuma
e vola la lucciola alla sera
e quando la contadina cantante,
zappa nella vigna e canta allegra allegra:
 
"Ca tu n' 'o cacce, Ammore sempe vence
e 'mbracci'a ninno, oje mamma,
portamménce,
oje portamménce".
 
"Anche se lo mandi via, Amore vince sempre
e in braccio al mio bimbo, oh mamma,
mi porta,
oh mi porta".
 
Na casa a monte e n'aria 'e primmavera
pe' Matalena, nata 'mmiez'ê sciure,
na stanza a mamma mia, ch'è vecchia pure
e fila e dorme da 'a matina â sera.
 
Una casa in montagna e aria di primavera
per Maddalena, nata tra i fiori,
una stanza a mia madre, che è anche vecchia
e fila e dorme dalla mattina alla sera.
 
Voglio spusá quanno 'a campagna addóra
e vola 'a luce-luce a primma sera
e quanno 'a parzunala cantatóra,
zappa na vigna e canta allèra allèra:
 
Voglio sposarmi quando la campagna profuma
e vola la lucciola alla sera
e quando la contadina cantante,
zappa nella vigna e canta allegra allegra:
 
"Ca tu n' 'o cacce, Ammore sempe vénce
e 'mbracci'a ninno, oje mamma,
portamménce,
oje portamménce".
"Anche se lo mandi via, Amore vince sempre
e in braccio al mio bimbo, oh mamma,
mi porta,
oh mi porta".

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia