LL'ITALIA E' BELLA


(C. Faiello)


 
Addó'
si' nata tu, 'a sera, 'o cielo è rosa
e ll'acqua è comm'a ll'oro, è preziosa.
E 'a sabbia 'nfonne tutt' 'e ccose.
 
Dove
sei nata tu, la sera, il cielo è rosa
e l'acqua è come l'oro, è preziosa.
E la sabbia bagna ogni cosa.
 
Addó'
si' nata tu, 'o sole abbrucia 'a pelle,
'a notte, cchiù vicine songo 'e stelle
e ce ne stanno a mille a mille.
 
Dove,
sei nata tu, il sole brucia la pelle,
la notte, più vicine sono le stelle
e ce ne sono a migliaia.
 
Ah, tu ca sunnave
'e te fá accumpagná da 'o viento,
penzaste: "Che furtuna 'a vita in Occidente".
E chesto è assaje pe' chi nun tene niente.
 
Ah, tu che sognavi
di farti trasportare dal vento,
pensasti: "Che fortuna la mia vita in Occidente.
E' questo è tanto per chi non ha niente.
 
Quanta criature arrivano 'a luntano
pe' vedé crescere stu ggrano.
 
Quanti bambini arrivano da lontano
per veder crescere questo grano.
 
Ah, ll'Italia è bella
pe' chi tene 'a faccia nera.
Ma areto a 'sta ricchezza
sapisse ch'amarezza.
E te n'accuorge quanno scenne 'a sera
e pienz'a 'o cielo tujo ch'è rosa
e 'a luna giá sta llá,
mentre n'airone se ne va.
 
Ah, l'Italia è bella
per chi ha la faccia nera.
Ma dietro questa ricchezza
sapessi che amarezza.
Te ne accorgi quando scendi la sera
e pensi al tuo cielo che è rosa
e la luna è già là,
mentre un airone se ne va.
 
Addó'
tu si' venuta è tutto n'atu munno
e nun è comme te pareva 'nzuonno.
E mo ca 'o tiempo sta cagnanno.
 
Dove
tu sei venuta è tutto un altro mondo
e non è come si sembrava in sogno.
E ora che il tempo sta cambiando.
 
Addó'
tu si' venuta quacche sera chiove
e nun è doce chello ca se prova
penzanno a chesta vita nova.
 
Dove
sei venuta qualche sera piove
e non è dolce quello che si prova
pensando a questa vita nuova.
 
Ah, ll'Italia è bella
……………………
Ah, l'Italia è bella
…………………..

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia