LL'URDEMA TARANTELLA


(Bovio, Tagliaferri)


 
Tarantella,
s'è mis' 'e rimpetto
pe' farme dispietto
e dispietto mme fa.
 
Tarantella,
si è messa di fronte
per farmi dispetto
e dispetto mi fa.
 
I' te veco,
tu 'o guarde sott'uocchie
ma dint' 'e ddenócchie
te siente 'e tremmá.
 
Io ti vedo,
tu lo guardi di nascosto
ma nelle ginocchia
ti senti tremare.
 
Tu 'o vuó' bene, mannaggia, 'o vuó' bene.
Si' spergiura si dice ca no.
Prigiuniera stu 'nfame te tène,
prigiuniera e fa chello ca vò'.
 
Tu gli vuoi bene, mannaggia, gli vuoi bene.
Sei bugiarda se dici di no.
Prigioniera questo infame ti tiene,
prigioniera e fa quello che vuole.
 
Guarda a me.
Guarda a me.
Comm'a quanno,
mo fa ll'anno,
te purtaje
dint' 'a cchiesa d' 'a Madonna d' 'a Catena.
Comm'a quanno
te vasaje
chesta vocca ardente e bella
ca, stasera, si mme vasa, mm'avvelena.
Tarantella.
 
Guarda me.
Guarda me.
Come quando,
ora è un anno,
ti portai
nella chiesa della Madonna della Catena.
Come quando
ti baciai
questa bocca ardente e bella
che, stasera, se mi bacia, mi avvelena.
Tarantella.
 
Tarantella.
Stu core è d' 'o mio
pecché surtant'io
tengo 'o deritto d' 'o ddí.
 
Tarantella.
Questo cuore è mio
perchè solo io
ho il diritto di dirlo.
 
Jammo, abballa.
Strignímmoce forte
p' 'a vita e p' 'a morte
attaccáte accussí.
 
Andiamo, balla.
Stringiamoci forte
per la vita e per la morte
attaccati così.
 
I' nun tengo a nisciuno e tu 'o ssaje
che calvario aggio fatto pe' te.
Te disprezzo pe' quanto t'amaje
e nisciuno t'ha amata cchiù 'e me.
 
Io non ho nessuno e tu lo sai
che calvario ho passato per te.
Ti disprezza per quanto t'amai
e nessuno ti ha amata più di me.
 
Guarda a me.
………………
 
Guarda me.
…………….
 
Tarantella.
Tu vi' st'abetiello?
Na sferra 'e curtiello,
annascosta, ce sta.
 
Tarantella.
Tu vedi questo abito?
Una lama di coltello,
nascosta, c'è.
 
'Nnanz'a st'uocchie
mme passa nu velo.
'Sta mano è nu gelo
e paura mme fa.
 
Davanti a questi occhi
mi passa un velo.
Questa mano è fredda
e paura mi fa.
 
I' só' zingaro e saccio ogne cosa.
Tutt'e dduje site pronte a partí.
Pe' signale ha sfrunnato na rosa,
ma nun sape che spina songh'i'.
 
Io sono zingaro e so ogni cosa.
Tutti e due siete pronti a partire.
Come segnale ha sfogliato una rosa,
ma non sa che spina sono io.
 
Bada a te.
Bada a te.
Nun mm'arrènno,
nun mm'arrènno,
só' dannato.
Nun só' carne battezzata, só' na jena.
Ma i' t' 'o stenno
'nzanguinato
chist'amico ca mo abballa
'nnanz'â cchiesa d' a Madonna d' 'a Catena.
Tarantella.
Stai attenta.
Stai attenta.
Non mi arrendo,
non mi arrendo,
sono dannato.
Non sono carne battezzata, sono una iena.
Ma io te lo stendo
insanguinato
questo amico che ora balla
davanti alla chiesa della Madonna della Catena.
Tarantella.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia