LO CARDILLO


(1800 ca)


 
Stó' criscenno no bello cardillo,
quanta cose ca ll'aggi' 'a 'mpará.
Ha da ire da chisto e da chillo,
li 'mmasciate isso mm'ha da portá.
Siente ccá bello mio, llòco 'nnante,
c'è na casa, na nénna nce sta,
tu la vide ca nun è distante.
Chella nénna haje da ire a trová.
 
Sto allevando un bel cardellino,
quante cose gli devo insegnare.
Deve andare da questo e da quello,
I messaggi mi deve portare.
Senti bello mio, qui davanti,
c'è una casa, c'è una ragazza,
la vedi perché non è distante.
Quella ragazza devi andare a trovare.
 
Si la truove ca stace dormenno,
pe' na fata, gué, non la pigliá.
No, rommore non fá co' li ppenne,
gué, cardí', tu ll'aviss' 'a scetá?
Si affacciata po' sta a lo barcone,
pe' na rosa ll'aviss' 'a pigliá?
Gué, cardí', vi' ca llá tu te stuone,
va' vatténne cardí', nn' 'addurá.
 
Se la trovi che sta dormendo,
per una fata, neh, non la scambiare.
No, non fare rumore con le piume,
neh, cardellino, che magari la svegli?
Se poi è affacciata al balcone,
che per una rosa la potresti scambiare?
Oh, cardellino, stai attento che lì ti stordisci,
vai, vattene cardellino, non la annusare.
 
Si la truove ca face ll'ammore,
'sto cortiello annascùnnete ccá.
'Nficcancillo deritto a lo core
e lo sango tu mm'haje da portá.
Ma si penza, vatté' chiano chiano,
zitto zitto te nce haje da azzeccá.
Si afferrá po' te vò' co' la mano,
priesto 'mpietto tu ll'haje da zompá.
 
Se la trovi che fa l'amore,
questo coltello nasconditi qua.
Ficcaglielo diritto nel cuore
e il sangue mi devi portare.
Ma se pensa, vattene piano piano,
zitto zitto ti devi accostare,
Se poi ti vuole prendere con la mano,
subito in petto le devi saltare.
 
Si te vasa o t'afferra cianciósa,
tanno tu ll'haje da dire accossí:
"Lo patrone pe' te non reposa,
poveriello, pecché ha da morí?"
T'accarezza, te vasa. Ah, viato
cchiù de me tu si' certo cardí'.
Si co' tico cagnarme mm'è dato,
voglio, doppo, davvero morí.
Se ti bacia o ti prende con dolcezza,
allora le devi dire così:
"Il padrone per causa tua non riposa,
poveretto, perché deve morire?"
Ti accarezza, ti bacia. Ah, beato
certamente più di me tu sei, cardellino.
Se con te scambiarmi mi è permesso,
dopo, voglio davvero morire.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia