LO ZOCCOLARO


(Cottrau, Paolella – 1857)


 
Zoccolaro1.
Ah, chi vò' lo zoccolaro?
Lo scarpino chi lo vò'?
No carrí' vanno a lo paro
ma a cchiù poco nce li dó'
a chi bella vò' paré.
Zoccolaro, zoccolé'.
 
Zoccolaro1.
Ah, chi vuole lo zoccolaio?
Lo scarpino chi lo vuole?
No, vanno al paio
ma a meno li do
a chi bella vuol sembrare.
Zoccolaro, zoccolé'.
 
Zoccolaro.
Nce ne stanno piccerelle
fatte acconce, mo nce vò'.
A li piede aggraziatielle
sulamente nce li dó'.
Ca cchiù belle hann' 'a paré.
Zoccolaro, zoccolé'.
 
Zoccolaro.
Ce ne sono di piccole
aggraziate, ora ci vuole.
Ai piedi aggraziati
solamente li do.
Perchè più belli devono sembrare.
Zoccolaro, zoccolé'.
 
Zoccolaro.
Quanta core 'nnammorate
li vorranno 'mmidiá.
Ca duje zuoccole apparate
volarríano addeventá.
Se la pigliano con me,
zoccolaro, zoccolé'.
 
Zoccolaro.
Quanti cuori innamorati
li vorranno imitare.
Perchè due zoccoli appaiati
vorrebbero diventare.
Se la prendono con me,
Zoccolaro, zoccolé'.
 
Zoccolaro.
Ogne chiuovo ch'aggio miso,
mme só' puosto a sospirá.
Comm'è doce chillo piso
ca 'sto ligno portarrá.
Fortunato è cchiù de me,
zoccolaro, zoccolé'.
 
Zoccolaro.
Ogni chiodo che ho messo,
mi sono messo a sospirare.
Come è dolce quel peso
che questo legno porterà.
E più fortunato di me,
Zoccolaro, zoccolé'.
 
Zoccolaro.
Si quaccuno fa ll'ammore,
s'accattasse chisti ccá
ca non fanno maje rommore
e non scétano a mammá.
Gué pericolo non c'è,
zoccolaro, zoccolé'.
Zoccolaro.
Se qualcuno fa l'amore,
comprerebbe questi qua
che non fanno mai rumore
e non svegliano mamma.
Eh, pericolo non c'è,
Zoccolaro, zoccolé'.


1 Una volta la calzatura più usata (e più economica) per chi lavorava in campagna era lo zoccolo, che veniva preparato su misura dal fabbricante di zoccoli, il quale, con il suo fornitissimo banco poteva in poco tempo realizzare un paio di calzature anche sotto gli occhi del cliente.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia