LUNA 'NNAMMURATA


(C. Da Vinci, Pontevecchio, Nunzio Gallo, Tullio Pane – 1956)


 
‘A luna ‘nnammurata
s’è misa ‘nsentimento,
cu ‘sta faccella argiento,
stu mare vo’ ‘ncantà’.
 
La luna innamorata
si è messa in sentimento,
con questa faccetta d’argento,
questo mare vuole incantare.
 
‘O mare che è galante
la canta ‘na canzona
mettimmoce a sunà
ciento chitarre volle accumpagnà.
 
Il mare che è galante
le canta una canzone
mettiamoci a suonare
cento chitarre volle accompagnare.
 
Poi, luna, luna, lu…
quanno sponti tu
‘ngopp’ a chistu mare
si tenera accussì
ca ce faje murì
suspiranno ammore.
 
Poi, luna, luna, lu…
quando spunti tu
su questo mare
sei così tenera
che ci fai morire
sospirando amore.
 
‘O mare che po’ fa,
s’add’ ‘a ‘nnammurà,
cagna già ‘e culore.
Oje luna, luna, lu…
si sponti tu
a Napule.
 
E il mare che può fare,
si deve innamorare,
cambia già colore.
O luna, luna, lu…
se spunti tu
a Napoli.
 
E abbascio a ‘sta marina
‘o mare sposa ‘a luna,
‘e stelle a una a una
s’affacciano a guardà.
 
E giù a questa marina
il mare sposa la luna,
le stelle una ad una
si affacciano per guardare
 
E ‘o mare che po’ fa
…………………….
 
E il mare che può fare
…………………….
 
Oje luna, luna, lu
te vasi ‘o mare blu.
O luna, luna, lu
ti baci il mare blu.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia