LUNA ROSSA


(Vian, De Crescenzo – 1951)


 
Vaco distrattamente abbandunato,
ll'uocchie sott' 'o cappiello annascunnute,
mane 'int' 'a sacca e bávero aizato.
Vaco siscanno ê stelle ca só' asciute.
 
Cammino distrattamente abbandonato,
gli occhi nascosti sotto il cappello,
mani in tasca e bavero alzato.
Fischio alle stelle che sono uscite.
 
E 'a luna rossa mme parla 'e te,
io lle domando si aspiette a me,
e mme risponne: "Si 'o vvuó' sapé,
ccá nun ce sta nisciuna".
E i' chiammo 'o nomme pe' te vedé,
ma, tutt' 'a gente ca parla 'e te,
risponne: "E' tarde che vuó' sapé?
Ccá nun ce sta nisciuna".
 
E la luna rossa mi parla di te,
Io le chiedo se mi aspetti,
e mi risponde: "Se vuoi saperlo,
qua non c'è nessuna".
E io dico il nome per vederti,
ma, tutta la gente che parla di te,
risponde: "E' tardi cosa vuoi sapere?
qua non c'è nessuna".
 
Luna rossa,
chi mme sarrá sincera?
Luna rossa,
se n'è ghiuta ll'ata sera
senza mme vedé.
 
Luna rossa,
chi mi sarà sincera?
Luna rossa,
se ne è andata l'altra sera
senza vedermi.
 
E io dico ancora ch'aspetta a me,
for' 'o barcone stanott'ê ttre,
e prega 'e Sante pe' mme vedé.
Ma nun ce sta nisciuna.
 
Ed io dico ancora che mi aspetta,
fuori al balcone questa notte alle tre,
e prega i Santi per vedermi.
Ma non c'è nessuna.
 
Mille e cchiù appuntamente aggio tenuto,
tante e cchiù sigarette aggio appicciato,
tanta tazze 'e café mme só' bevuto,
mille vucchelle amare aggio vasato.
 
Mille e più appuntamenti ho avuto,
tante e più sigarette ho acceso,
tante tazze di caffè ho bevuto,
mille boccucce amare ho baciato.
 
E 'a luna rossa mme parla 'e te,
…………………………………….
 
E la luna rossa mi parla di te,
…………………………………
 
Luna rossa,
……………
Luna rossa,
……………

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia