LUSINGAME


(Taranto, Festa – 1956)


 
Forse sarrá stu cielo chino 'e stelle,
Maria, Marí'.
Forse sarranno st'uocchie accussí belle,
Maria, Marí'.
Forse è ll'ammore
ca mm'hê miso 'int' 'o core,
ma io nun ce credo
ca tu mme vuó' lassá.
 
Forse sarà questo cielo piene di stelle,
Maria, Maria.
Forse saranno questi occhi così belli,
Maria, Maria.
Forse è l'amore
che mi hai messo nel cuore,
ma io non ci credo
che tu mi vuoi lasciare.
 
Tu nun 'o ssaje
ca mme staje dint' 'e vvéne.
Si te ne vaje,
nun pòzzo cchiù campá.
 
Tu non lo sai
che sei nelle mie vene.
Se te ne vai,
non posso più vivere.
 
Lusíngame n'atu ppoco,
fallo stutá stu ffuoco
ca, dint' 'o core,
mm'hê appicciato tu.
Si te ne vaje,
'o ssaje ca mme ne moro.
Lusíngame n'atu ppoco
ca, senza st'uocchie tuoje,
nun campo cchiù.
 
Lusingami un altro po',
fallo spegnere questo fuoco
che, nel cuore,
mi hai acceso tu.
Se te ne vai,
Lo sai che muoio.
Lusingami un altro po',
che, senza questi occhi tuoi,
non vivo più.
 
Che fa si 'e vase tuoje ll'hê date a n'ato?
Maria, Marí'.
Io sóngo sempe 'o primmo 'nnammurato,
Maria, Marí'.
Tu si' d' 'a mia,
dimme chesta buscía,
dimmélla ancora,
però nun mme lassá.
 
Che fa se i tuoi baci li hai dati a un altro?
Maria, Maria.
Io sono sempre il tuo primo fidanzato.
Maria, Maria.
Tu sei mia,
dimmi questa bugia,
dimmela ancora,
però non mi lasciare.
 
Tu nun 'o ssaje
…………………
Tu non lo sai
………………

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia