MA VE PARE, VE PARE, VE PA'


(Pisano, Cioffi – 1947)


 
Tengo na moglie bella,
ve giuro bella assaje,
ma aggio passato 'o guajo,
è sorda. E ch'aggi' 'a fá?
Io grido, parlo forte,
ma chella nun mme sente
e nun capisce niente,
mme fa ascí pazzo a me.
 
Ho una moglie bella,
vi giuro molto bella,
ma ho passato un guaio,
è sorda. Che devo farci?
Io grido e parlo forte,
ma lei non mi sente
e non capisce niente,
mi fa impazzire.
 
Si lle cerco na presa 'e cugnacca,
ci credete?
Chella 'a piglia pe' mala parola,
ci pensate?
Se le chiedo una tazza di latte,
chella scenne e mm'accatte 'e buatte.
Si lle dico: "Maria, faccio 'o pazzo",
chella piglia e se mette a alluccá:
"Mascalzone, cretino, sporcone
tu che gesto indecente vuó' fá?"
 
Se le chiedo una presa di cognac,
ci credete?
Lei la prende per una parolaccia,
ci pensate?
Se le chiedo una tazza di latte,
lei scende e mi compra dei barattoli.
Se le dico: "Mario, faccio il pazzo",
lei prende e comincia a urlare:
"Mascalzone, cretino, sporcaccione,
che gesto indecente vuoi fare?
 
Ma ve pare, ve pa'.
Ma ve pare, ve pa',
ma ve pare ca io pòzzo campá?

Cu na moglie che è sorda e cretina,
io mi sparo alle sette domani mattina.
 
Ma vi pare, vi pare.
Ma vi pare, vi pare.
Ma vi pare che io possa vivere?

Con una moglie che è sorda e cretina,
io mi sparo alle sette domani mattina.
 
A 'e vvote mi ritiro,
e busso, busso forte,
ma resto for'â porta
mez'ora a tuzzuliá.
Io levo 'o campaniello e,
in questa settimana,
ce metto na campana.
Si no comm'aggi' 'a fá?
 
A volte torno a casa,
e busso, busso forte,
ma resto fuori dalla porta
mezz'ora a bussare.
Io tolgo il campanello e,
in questa settimana,
ci metto una campana.
Se no come devo fare?
 
L'altro giorno parlando di pranzo,
ci credete? Si decise per pasta e fagioli,
mi capite?
"E va be'" disse lei "sará fatto,
ma che vuó' pe' secondo piatto?"
Io dicette: "Marí' voglio 'e ppizze".
Chella piglia e risponne: "Pasquá',
son tua moglie e tu sei il mio padrone".
Mme sorride e mme vène a abbracciá.
 
L'altro giorno parlando di pranzo,
ci credete? Si decise per pasta e fagioli,
mi capite?
"E va beh" disse lei "sarà fatto,
ma cosa vuoi per secondo piatto?"
I dissi: "Maria voglio le pizze"
Lei prende e risponde "Pasquale,
sono tua moglie e tu sei il mio padrone".
Mi sorride e mi viene ad abbracciare.
 
Ma ve pare, ve pa'.
Ma ve pare, ve pa',
ma ve pare ca io pòzzo campá?

Cu na moglie ch'è sorda e cretina,
io mi sparo alle sette domani mattina.
 
Ma vi pare, vi pare.
Ma vi pare, vi pare.
Ma vi pare che io possa vivere?

Con una moglie che è sorda e cretina,
io mi sparo alle sette domani mattina.
 
P' 'a radio, l'altro giorno,
suonavano ll'Otello.
Essa dicette: "E' bella
'sta musica 'e Zazá".
Al tempo della guerra,
tutt' 'e bumbardamente,
non ha sentito niente.
Ah, che felicitá.
 
Per radio, l'altro giorno,
suonavano l'Otello.
Lei disse: "E' bella
questa musica di Zazà".
In tempo di guerra,
con tutti i bombardamenti,
non ha sentito niente.
Ah, che felicità.
 
Se le dico: "Il tuo far non mi garba",
ci credete?
Chella porta 'o penniello p' 'a barba,
ci pensate?
Si le dico: "Mi serve un dottore",
chella scenne e mme chiamma 'o pittore.
Si le dico: "Marí' voglio 'allésse",
quella scema, cretina, mi dá
una cosa che io non ho chiesto
e pe' forza mme ll'aggi' 'a pigliá.
 
Se le dico: "Il tuo fare non mi garba",
ci credete?
Lei porta il pennello per la barba,
ci pensate?
Se le dico: "Mi serve un dottore",
lei scende e mi chiama l'imbianchino.
Se le dico: "Maria voglio le castagne lesse",
quella scema, cretina, mi dà
una cosa che non ho chiesto
e per forza me la devo prendere.
 
Ma ve pare, ve pa'.
Ma ve pare, ve pa',
ma ve pare ca io pòzzo campá'?

Cu na moglie che è sorda e cretina,
mi sparo alle sette domani mattina.
 
Ma vi pare, vi pare.
Ma vi pare, vi pare.
Ma vi pare che io possa vivere?

Con una moglie che è sorda e cretina,
io mi sparo alle sette domani mattina.
 
Ma ve pare, ve pa'.
Ma ve pare, ve pa',
ma ve pare ca io pòzzo campá'?

Cu 'sta sorda ca sta sempe attorno,
io mi sparo alle sette domenica al giorno
 
Ma vi pare, vi pare.
Ma vi pare, vi pare.
Ma vi pare che io possa vivere?

Con questa sorda che sta sempre attorno
io mi sparo domenica alle sette di pomeriggio.
 
Ma ve pare, ve pa'.
Ma ve pare, ve pa',
ma ve pare ca io pòzzo campá'?

Cu na moglie ca soffre 'e stu male,
io mi sparo alle sette 'a vigilia 'e Natale.
 
Ma vi pare, vi pare.
Ma vi pare, vi pare.
Ma vi pare che io possa vivere?

Con una moglie che soffre questo male,
io mi sparo alle sette la vigilia di Natale.
 
Ma ve pare, ve pa'.
Ma ve pare, ve pa',
ma ve pare ca io pòzzo campá'?

Cu na moglie dal timpano duro,
io mi sparo a novembre dell'anno venturo.
Ma vi pare, vi pare.
Ma vi pare, vi pare.
Ma vi pare che io possa vivere?

Con una moglie dal timpano duro,
io mi sparo a novembre dell'anno venturo.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia