MAGGIO SI' TU


(E. A. Mario – 1913)


 
Maggio, si' tu
ca st'aria doce vaje prufumanno.
Quanta canzone faje cantá a doje voce,
quanta suspire io manno.
 
Maggio, sei tu
che rendi profumata quest'aria dolce.
Questa canzone fai cantare a due voci,
quanti sospiri io mando.
 
Mme faje murmuliá
tutt' 'e ccanzone amate
pecché tu viene e dice:
"'E 'nnammurate
hann' 'a cantá".
 
Mi fai mormorare
tutte le canzoni amate
perchè tu arrivi e dici:
"Gli innamorati
devono cantare".
 
Hann' 'a cantá,
ca pure Ammore
passa e nun more.
E chi ha vuluto bene,
se sente, dint' 'e vvéne,
cchiù ardente 'a giuventù.
Maggio, si' tu.
 
Devono cantare,
perchè anche Amore
passi e non muoia.
E chi ha voluto bene,
si sente, nelle vene,
più ardente la giovinezza.
Maggio, sei tu.
 
Maggio, si' tu
ca mme truvaste cu 'o core 'e gelo.
Ma quanta rose attuorno mme purtaste,
e quanta stelle 'ncielo.
 
Maggio, sei tu
che mi trovasti col cuore di ghiaccio.
Ma quante rose intorno mi portasti,
e quante stelle in cielo.
 
Turnaje a suspirá
pe' chi fuje tanta 'ngrata.
"Ah" lle dicette "t'aggio
sempe amata
e pure mo".
 
Tornai a sospirare
per chi fu tanto ingrata.
"Ah" le dissi "ti ho
sempre amata
e anche adesso".
 
E pure mo,
tutt'è turnato
comm'è passato.
Sento ch' 'a voglio bene.
Tu ffuoco dint' 'e vvéne,
è fuoco 'e giuventù.
Maggio, si' tu.
 
E anche adesso,
tutto è tornato
come in passato.
Sento che le voglio bene.
Tu fuoco nelle vene,
è fuoco di gioventù.
Maggio, sei tu.
 
Maggio, e pe' te
mme stó' facenno cchiù mateniero.
Rose e viole a ll'alba stó' cuglienno
comm'a nu ciardeniere.
 
Maggio, e per te
sto diventando più mattiniero.
Rose e viole all'alba sto cogliendo
come a un giardiniere.
 
Tu mme faje suspirá
'mmiez'ê ciardine 'nfiore.
"Si tuttecosa torna,
pure Ammore ha da turná".
 
Tu mi fai sospirare
nei giardini in fiore.
"Se tutto torna,
anche Amore deve tornare".
 
Ha da turná.
Ll'aggiu chiammato,
ll'aggio aspettato.
E mo ch' 'a voglio bene,
mme sento, dint' 'e vvéne,
cchiù ardente 'a giuventù.
Maggio, si' tu.
Deve tornare.
L'ho chiamato,
l'ho aspettato.
E ora che le voglio bene,
mi sento, nelle vene,
più ardente la giovinezza.
Maggio, sei tu.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia