MALAFEMMENA


(Totò – 1951)


 
Si avisse fatto a n'ato
chello ch'hê fatto a me,
st'ommo t'avesse acciso
e vuó' sapé pecché?
Pecché 'ncopp'a 'sta terra,
femmene comm'a te,
nun ce hann' 'a stá pe' n'ommo
onesto comm'a me.
 
Se avessi fatti ad un altro
quello che hai fatto a me,
quest'uomo ti avrebbe ucciso
e vuoi sapere perché?
Perché a questo mondo,
donne come te,
non devono esistere per un uomo
onesto come me.
 
Femmena,
tu si' na malafemmena,
a st'uocchie hê fatto chiagnere,
lacreme 'e 'nfamitá.
 
Donna,
tu sei una cattiva donna,
a questi occhi hai fatto piangere,
lacrime di infamia.
 
Femmena,
tu si' peggio 'e na vipera,
mm'hê 'ntussecato ll'ánema,
nun pòzzo cchiù campá.
 
Donna,
tu sei peggio di una vipera,
mi hai intossicato l'anima,
non posso più vivere.
 
Femmena,
si' doce comm' 'o zzuccaro,
peró 'sta faccia d'angelo,
te serve pe' 'nganná.
 
Donna,
sei dolce come lo zucchero,
però questo viso d'angelo,
ti serve per ingannare.
 
Femmena,
tu si' 'a cchiù bella femmena,
te voglio bene e t'odio,
nun te pòzzo scurdá.
 
Donna,
tu sei la più bella donna,
ti voglio bene e ti odio:
non posso dimenticarti.
 
Te voglio ancora bene,
ma tu nun saje pecché.
Pecché ll'unico ammore
si' stato tu pe' me.
E tu, pe' nu capriccio,
tutto hê distrutto oje né'.
Ma Dio nun t' 'o pperdona
chello ch'hê fatto a me.
 
Ti voglio ancora bene,
ma tu non sai il perché.
Perché l'unico amore
sei stata tu per me.
E tu, per un capriccio,
tutto hai distrutto, oh bambina.
Ma Dio non te lo perdona
quello che hai fatto a me.
 
Femmena,
…………..
Donna,
……….

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia