MALINCONICO AUTUNNO


(De Crescenzo, Rendine – 1957)


 
Erano verde,
erano verde 'e ffronne.
E mo, só' comm' 'e suonne perdute,
e mo, sóngo ricorde 'ngiallute.
Dint'a chest'aria 'e lacreme
'e stó' guardanno.
Cu 'o viento se ne vanno
pe' nun turná maje cchiù.
 
Erano verdi,
erano verdi le foglie.
E ora, sono come i sogni perduti,
e ora, sono ricordi ingialliti.
In quest'aria di lacrime
li sto guardando.
Con il vento se ne vanno
per non tornare mai più.
 
Malinconico autunno,
staje facenno cadé
tutt' 'e ffronne d' 'o munno
sulamente pe' me.
Chi mm'ha lassato pe' nun turná,
chisà a che penza, chisà che fa.
Ammore mio,
nun só' stat'io,
si' stata tu.
Pecché? Pecché?
Malinconico autunno,
staje chiagnenno cu me.
Tutt' 'e ffronne d' 'o munno
staje facenno cadé.
 
Malinconico autunno,
stai facendo cadere
tutte le foglie del mondo
soltanto per me.
Chi mi ha lasciato per non tornare,
chissà a cosa pensi, chissà cosa fa.
Amore mio,
non sono stato io,
sei stata tu.
Perchè? Perchè?
Malinconico autunno
stai piangendo con me.
Tutte le foglie del mondo
stai facendo cadere.
 
Dint'a 'sta villa,
ll'aspetto fin'â sera,
vicino a 'sta ringhiera, penzanno
a 'e ccose ca diceva giuranno.
Mme pare ancora 'e sèntere:
"Si' 'a vita mia.
'Sta vita che sarría
s'io nun tenesse a te?"
 
In questa villa,
l'aspetto fino a sera,
vicino a questa ringhiera, pensando
alle cose che diceva giurando.
Mi sembra ancora di sentire:
"Sei la mia vita.
Questa vita che sarebbe
se io non avessi te?"
 
Malinconico autunno,
………………………..
 
Malinconico autunno,
………………………..
 
Chi mm'ha lassato pe' nun turná,
chisà a che penza, chisà che fa.
Ammore mio,
nun só' stat'io,
si' stata tu.
Pecché? Pecché?
 
Chi mi ha lasciato per non tornare,
chissà a cosa pensi, chissà cosa fa.
Amore mio,
non sono stato io,
sei stata tu.
Perchè? Perchè?
 
Malinconico autunno,
a chest'ora addó' sta?
Malinconico autunno,
a quest'ora dove sta?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia