MAMMA'


(R. Mallozzi, E. Alfieri - 1976)


 
Mammá, te porto 'a 'nnammurata mia
ca giá te ne parlaje tre ghiuorne fa.
Diciste: "E' una 'e chelle 'e miez'â via
e maje permetto ca trasesse ccá".
 
Mamma, ti porto la fidanzata mia
di cui già ti ho parlato tre giorni fa.
Hai detto: "E' una di quelle di strada
e mai permetterò che entri qua".
 
Ma guardala mammá, tene vint'anne,
si chiamma Addulurata, e mm'addulora
ca tu n' 'a vuó' cacciá proprio a chest'ora
ch'è notte, chiove e tene 'a freve, oje má'.
 
Ma guardala mamma, ha vent'anni,
si chiama Addolorata, e mi addolora
che tu la vuoi cacciare proprio a quest'ora
che è notte, piove e ha la febbre, o mamma.
 
Mammá,
nun ce dicere 'e no.
Giá cu ll'uocchie te chiamma,
cerca 'o core 'e na mamma,
nun dicere 'e no.
 
Mamma,
non dirci di no.
Con gli occhi già ti chiama,
cerca il cuore di una mamma,
non dire di no.
 
Mammá,
t' 'o pprumetto giá mo.
Lasso 'e ccarte e ll'amice,
campammo felice,
accummencio da mo.
 
Mamma,
te lo prometto già adesso.
Lascio le carte e gli amici,
viviamo felici,
comincio da ora.
 
Mammá, si tu vuó' bene ô figlio tujo,
salvanno a essa salve pure a me.
Mm'ha raccuntato d' 'o ppassato sujo
e mo se mette scuorno 'nnanze a te.
 
Mamma, se vuoi bene a tuo figlio,
salvando lei salvi anche me.
Mi ha raccontato del suo passato
e ora si vergogna davanti a te.
 
Io dico: 'a colpa è sempe d' 'o destino
ca mena addó' va va, comm' 'o cecato.
A essa ha dato 'a croce d' 'o peccato
e a te t'ha dato 'a croce 'e ll'onestá.
 
Io dico: la colpa è sempre del destino
che butta a caso, come il cieco.
A lei ha dato la croce del peccato
e a te ha dato la croce dell'onestà.
 
Mammá,
………..
 
Mamma,
………..
 
Mammá, tu nun rispunne?
E io perdo 'a fede.
Mme scaglio contro a tutte e contro a te.
E' overo, è stata 'ncopp' 'o marciappiede,
tu ca si' mamma nn' 'a puó' giudicá.
 
Mamma, non rispondi?
E io perdo la fede.
Mi scaglio contro tutti e contro di te.
E' vero, è stata sul marciapiede,
tu che sei madre non la puoi giudicare.
 
Che stó' dicenno, oje má'?
Só' nu spergiuro.
Perdòname mammá, te stó' accedenno.
A tutt'e duje ce staje benedicenno.
Mo Dio stu core 'e mamma ha da salvá.
 
Che sto dicendo, oh mamma?
Sono uno spergiuro.
Perdonami mamma, ti sto uccidendo.
A tutti e due ci stai benedicendo.
Ora Dio questo cuore di mamma deve salvare.
 
Mammá,
………..
Mamma,
………..

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia