MAMMA MIA CHE VÒ' SAPE'


(Russo, Nutile – 1909)


 
Quanno 'a notte se ne scenne
p'abbruciá chist'uocchie stanche,
quann'io veglio e tu mme manche,
sento 'a smánia 'e te vasá.
E te chiammo e schiara juorno,
ma è pe' ll'ate stu chiarore,
tengo 'a notte dint' 'o core
e nun pòzzo arrepusá.
 
Quando la notte scende
per bruciare questi occhi stanchi,
quando io veglio e tu mi manchi,
sento il desiderio di baciarti.
E ti chiamo e diventa giorno,
ma è per gli altri questo chiarore,
ho la notte nel cuore
e non posso riposare.
 
Ah, nun mme fá murí.
Tu che ne vuó' da me?
Mamma mia mme vène a dí pecché
chesta smánia nun mme vò' lassá.
Ah, nun mme fá murí.
Tu che ne vuó' da me?
Mamma mia che vò' sapé?
Mamma mia ch'ha da appurá?
Nun mme fido d' 'a vasá.
 
Ah, non farmi morire.
Tu che vuoi da me?
Mia mamma viene a dirmi perchè
questo desiderio non mi vuole lasciare.
Ah, non farmi morire.
Che vuoi da me?
Mia mamma che vuole sapere?
Mia mamma cosa vuole appurare?
Non ho voglia di baciarla.
 
Mamma mia, 'sta vicchiarella,
ca mme guarda pe' gulío
e andivina 'o core mio,
tale e quale comm'a te.
Mamma mia mme vène appriesso
cu na faccia 'e cera fina,
e mme guarda e nn'andivina
chesta freva mia ched'è.
 
Mia mamma, questa vecchietta,
mi guarda per desiderio
e interpreta il mio cuore,
proprio come te.
Mia mamma mi viene dietro
con una faccia di cera fine,
e mi guarda e non indovina
questa mia smania cos'è.
 
Ah, nun mme fá murí.
Tu che ne vuó' da me?
Mamma mia nun pò capí pecché
chesta smania nun mme vò' lassá.
Ah, nun mme fá murí.
Tu che ne vuó' da me?
Mamma mia te sape a te
comm'a n'angelo 'e buntá.
Mamma mia ch'ha da appurá?
Ah, non farmi morire.
Tu che vuoi da me?
Mia mamma non può capire perchè
questo desiderio non mi vuole lasciare.
Ah, non farmi morire.
Che vuoi da me?
Mia mamma ti conosce
come un angelo di bontà.
Mia mamma cosa deve appurare?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia