MAMMA PERDONAME


musica Giuseppe Cioffi testo Gigi Pisano – 1937


 
Mamma che faticave 'e nnotte sane
'nnanz'a nu lume pe' mme dá a mangiá.
'E vierno te gelave 'o core e 'e mmane
e io stevo 'int' 'a cantina a mme spassá.
E pretennévo 'a te lusso e denare,
e quanno tu nun mm' 'e pputive dá,
te n'aggio date pene e morze amare,
te n'aggio fatto lacreme asciuttá.
 
Mamma che lavoravi notti intere
davanti a un lume per darmi da mangiare.
In inverno ti gelavi il cuore e le mani
e stavo alla cantina a divertirmi.
E pretendevo da te il lusso dei soldi,
e quando tu non me li potevi dare,
te ne ho date di pene e morsi amari,
te ne ho fatte lacrime asciugare.
 
Mamma,
mamma perdoname
pe' tutt' 'o mmale ch'aggio fatto a te.
Famme sentí 'sta mana benedetta
che mm'accarezza e tremma 'nfacci'a me.
 
Mamma,
mamma perdonami
per tutto il male che ti ho fatto.
Fammi sentire questa mano benedetta
che mi accarezza e trema sulla mia faccia.
 
Mamma.
Mamma perdoname.
 
Mamma.
Mamma perdonami.
 
Si quacche vota nun mme retiravo,
'o core se spezzava 'mpiett'a te.
E io ch' 'o vvedevo, ca mme n'addunavo,
facevo sempe finta 'e nn' 'o ssapé.
E, pe' na scellerata traditora,
ca tu chiagnive pe' mm' 'a fá lassá,
io te dicette, mm' 'o rricordo ancora,
ca tu nun ire degna d' 'a guardá.
 
Se qualche volta non ritornavo,
il cuore ti si spezza nel petto.
E io che lo vedevo, che me ne accorgevo,
facevo sempre finta di non saperlo.
E, per una scellerata traditrice,
per la quale piangevi per farmela lasciare,
io ti dissi, me lo ricordo ancora,
che tu non eri degna di guardarla.
 
Mamma,
mamma perdoname
………………………
 
Mamma,
mamma perdonami
……………………..
 
Mo staje malata, staje malata assaje
e chistu figlio tutto 'nfamitá
ca, in vita soja, nun ha pregato maje,
mo chiagne e prega pe' te fá saná.
E ogge stesso, vicchiarella mia,
stu figlio malamente saje che fa?
Lassa 'a cantina e 'a mala cumpagnia
e torna, onestamente, a faticá.
 
Ora sei malata, sei molto malata
e questo figlio tutto infamia
che, in vita sua, non ha mai pregato,
ora piange e prega per farti guarire.
E oggi stesso, vecchietta mia,
questo figlio cattivo sai che fa?
Lascia la cantina e la cattiva compagnia
e torna, onestamente, a lavorare.
 
Mamma,
mamma perdoname.
Penza ca io tengo sulamente a te.
Pecché 'sta mana fredda mm'abbandona?
Pecché tu 'nzierre ll'uocchie, ma pecché?
 
Mamma,
mamma perdonami.
Pensa che io ho solo te.
Perchè questa mano fredda mi abbandona?
Perchè chiudi gli occhi, ma perchè?
 
Mamma!
Mamma perdoname!
Mamma!
Mamma perdonami!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia