MANDULINATA 'E LL'EMIGRANTE


(Ciaravolo, E. A. Mario – 1923)


 
Quanta miglia ha fatto 'o bastimento.
Sóngo giá tante ca nisciune 'e cconta.
E n'arpeggio doce porta 'o viento.
E' na canzone mentre 'a luna sponta.
 
Quante miglia ha fatto il bastimento.
Sono già così tante che nessuno le conta.
E un arpeggio dolce porta il vento.
E' una canzone mentre la luna spunta.
 
Si' tu, si' tu,
cittá d' 'e manduline,
d' 'a giuventù, d' 'e suonne, d' 'e ciardine.
Si' tu ca t'avvicine
a nuje triste e luntane,
quanno 'e ccanzone
ce parlano 'e te.
 
Sei tu, sei tu,
città dei mandolini,
della giovinezza, dei sogni, dei giardini.
Sei tu che ti avvicini
a noi tristi e lontani,
quando le canzoni
ci parlano di te.
 
Stanno zitte e mute ll'emigrante,
só' mutive ca ogne core 'e ssente.
Nun è na canzone, ne só' ciento.
Danno 'a bona nova a tutt' 'e viente.
 
Sono zitti e muti gli emigranti,
sono motivi che ogni cuore sente.
Non è una canzone, sono cento.
Danno la buona notizia a tutti i venti.
 
Si' tu, si' tu,
…………….
Sei tu, sei tu,
……………….

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia