MANDULINATA Â LUNA


(Bovio, Nardella – 1922)


 
'Ncoppo Pusílleco sti manduline
se 'ntennerísceno, cágnano suone.
Pare ca sònano sulo p' 'a luna
ca fa d'argiento pure ll'arena.
 
A Posillipo questi mandolini
si inteneriscono, cambiano suono.
Sembra che suonino solo per la luna
che rende d'argento anche la sabbia.
 
E cchiù se stènnono
ll'ombre 'e chist'albere
p' 'o mare 'e Frisio
mo ch'è ll'está.
 
E di più si stendono
le ombre di questi alberi
per il mare di Frisio
ora che è estate.
 
'A quanta sècule
duje core cantano,
duje core chiagnono,
mare 'e Pusilleco,
guardanno a te?
 
Da quanti secoli
due cuori cantano,
due cuori piangono,
mare di Posillipo,
guardandoti?
 
'E ggente 'e Napule,
tornano 'a ll'estero,
mòrono a Napule
pe' te vedé.
 
Le genti di Napoli
tornano dall'estero,
muoiono a Napoli
per vederti.
 
E 'a luna pallida pare 'a reggina
che, 'a copp'a ll'ásteco, sente 'e ccanzone.
Se ne fa lácreme, povera luna,
dint'a sti nnotte napulitane.
 
E la luna pallida sembra la regina
che, dal solaio, sente le canzoni.
Ne fa lacrime, povera luna,
in queste queste notti napoletane.
 
E a mare cádono
tutte sti llacreme,
ca i' veco 'e lùcere,
veco 'e tremmá.
 
E in mare cadono
tutte queste lacrime,
che io vedo brillare,
vedo tremare.
 
'A quanta sècule
…………………..
 
Da quanti secoli
………………….
 
Ammore scétate. Viene luntano,
viene addó cantano sulo 'e ssirene.
'E rimme trémmano dint'a sti mmane
e 'a vela aspetta, 'mmiez'â marina.
 
Amore svegliati. Vieni lontano,
vieni dove cantano solo le sirene.
I remi tremano tra queste mani
e la vela aspetta, in mezzo alla marina.
 
'E stelle volano,
e ll'onne 'e Frisio,
stanotte cántano
pe' me e pe' te.
 
Le stelle volano,
e le onde di Frisio,
stanotte cantano
per me e per te.
 
'A quanta sècule
…………………..
Da quanti secoli
………………….

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia