MANDULINATA A MARE


(Califano, Buongiovanni – 1915)


 
Mme só' 'mbarcato cu nu bastimento,
pe' mme scurdá 'e na femmena birbanta
ca 'nganna 'e 'nnammurate e se n'avanta,
e 'mmiez'ê vase 'mmésca 'o tradimento.
 
Mi sono imbarcato su un bastimento,
per dimenticare una donna birbante
che inganna gli innamorati e se ne vanta,
e tra i baci mischia il tradimento.
 
Oje mare mare, pòrtame
quanto cchiù puó' luntano,
luntano 'a chesta femmena.
Nn' 'a voglio cchiù vedé.
 
Oh mare mare, portami
più lontano che puoi,
lontano da questa donna.
Non la voglio più vedere.
 
Chill'uocchie só' turchine comm' 'o mare e,
comm' 'o mare, sóngo 'nfame pure.
'O mare, addó' te cride 'e stá sicuro,
nu tradimento sempe te pripara.
 
Quegli occhi sono turchini come il mare e,
come il mare, sono anche infami.
Il mare, dove pensi di essere sicuro,
sempre ti prepara un tradimento.
 
Oje mare mare, pòrtame
…………………………….
 
Oh mare mare, portami
…………………………..
 
'E marenare, 'nterra Marechiaro,
'a chiammano "'A Sirena Arrobbacore"
ma, primma ca s'arrobba chistu core,
io só' cuntento de jettarlo a mare.
 
I marinai, a Merchiaro,
la chiamano "La Sirena Rubacuori"
ma, prima che rubi questo cuore,
io sono contento di gettarlo in mare.
 
Oje mare mare, pòrtame
…………………………….
Oh mare mare, portami
…………………………..

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia