MANDULINATA A SURRIENTO


(E. A. Mario, Ciaravolo – 1922)


 
Mandulinata a Surriento.
Mandulinata a chi sposa
sott'a 'sta luna d'argiento,
ca 'e st'acqua addirosa,
nu specchio vò' fá.
 
Mandolinata a Sorrrento.
Mandolinata a chi si sposa
sotto a questa l'una d'argento,
che di quest'acqua profumata,
vuole farne uno specchio.
 
Va', core scuntento,
va' te trova nu nido a Surriento
addó' t'addormono sti manduline,
addó' 'e ciardine
danno sciure 'arancio
p' 'a felicitá.
 
Vai, cuore scontento,
vai a trovarti un nido a Sorrento
dove ti addormentano questi mandolini,
dove i giardini
danno fiori d'arancio
e felicità.
 
Pure 'sta vita è nu mare,
pure nu mare è ll'ammore.
Ll'onne só' cupe e só' chiare,
ma 'e ppene d' 'o core
se pònno scurdá.
 
Anche questa vita è un mare,
anche l'amore è un mare.
Le onde sono scure o sono chiare
ma le le pene del cuore
si possono dimenticare.
 
Va', core scuntento,
………………………
 
Vai, cuore scontento,
…………………………
 
E nonna nonna, Surriento.
Doce è 'sta mandulinata.
Sott'a 'sta luna d'argiento,
na coppia scetata
nun ha da restá.
 
E ninna nanna, Sorrento.
Dolce è questa mandolinata.
Sotto a questa luna d'argento,
una coppia sveglia
non deve restare.
 
Va', core scuntento,
………………………
Vai, cuore scontento,
…………………………

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia