MANELLA MIA


(F. Russo, V. Valente – 1907)


 
Mana ca mm'accarezza e mme cunzola,
uh, quanta smanie t'hê pigliato 'a me.
Dint'a 'sta vita, abbandunata e sola,
sempe mm'è parzo, 'nzuonno, 'e te vedé.
 
Mano che mi accarezza e mi consola,
oh, quante preoccupazioni ti sei presa da me.
In questa vita, abbandonata e sola,
sempre mi è sembrato, nel sonno, di vederti.
 
E te vedevo mòvere 'a luntano,
comme avisse vuluto salutá.
E currevo addu te, cu 'o core 'mmano,
appaurato 'e mme puté scetá.
 
E ti vedevo muovere da lontano
come se avessi voluto salutare.
E correvo da te, col cuore in mano,
spaventato dal potermi svegliare.
 
Mana ca t'arrubbaste chistu core,
tiénelo forte e cchiù nun 'o lassá.
Doppo tant'anne 'e lacreme e dulore,
tu sola mm'hê saputo cunzulá.
 
Mano che rubasti questo cuore,
tienilo forte e non lasciarlo più.
Dopo tanti anni di lacrime e dolori,
tu sola mi hai saputo consolare.
 
Comm' 'o cecato ca nun 'ngarra 'a via,
mm'avría pututo perdere pe' te,
ma tu vuliste farme cumpagnía
tutta cuntenta 'e nun mme fá cadé.
 
Come il cieco che non indovina la via,
mi sarei potuto perdere per te,
ma tu hai voluto farmi compagnia
tutta contenta di non farmi cadere.
 
Tiéneme astrinto, tiéneme afferrato,
manella mia, pe' nun mme lassá cchiù.
Mo che mm'hê visto tanto appassiunato,
mme puó' dá pace sulamente tu.
 
Tienimi stretto, tienimi forte,
manina mia, non mi lasciare più.
Ora che mi hai visto tanto appassionato,
mi puoi dare pace solo tu.
 
Ma si t'ha da passá 'sta fantasia,
si 'sta cundanna 'e morte aggi' 'a paté,
pòrtate appriesso tutt' 'a vita mia.
Scíppame 'o core e nun mm' 'o fá vedé.
Ma se ti passerà questa voglia,
se questa condanna a morte devo patire,
portati dietro tutta la mia vita.
Strappami il cuore e non farmelo più vedere.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia