MARE VERDE


(Marotta, Mazzocco – 1961)


 
Nun è campagna, è mare, mare verde.
Nu golfo d'erba, na scugliera 'e fronne,
ca luntano se perde
sott' 'o cielo d'está.
 
Non è campagna, è mare, mare verde.
Un golfo d'erba, una scogliera di foglie,
che lontano si perde
sotto il cielo dell'estate.
 
E pe' stu mare verde senza fine,
suonno d' 'a vita mia,
cchiù carnale e gentile
tu cammine cu me.
Ll'ombra te veste ma te spoglia 'o sole.
Si' d'oro comm' 'o ggrano.
Tremmanno 'e passione
t'astregno sti mmane
e 'o mare verde,
ce 'ncanta e ce perde,
abbracciáte accussí.
 
E per questo mare verde senza fine,
sogno della mia vita,
più carnale e gentile
tu cammini con me.
L'ombra ti veste, ma il sole ti spoglia.
Sei d'oro come il grano.
Tremando di passione
ti stringo queste mani
e il mare verde,
ci incanta e ci perde,
abbracciati così.
 
Dorme nu bosco e canta na surgente.
Sisca nu treno sott'a na muntagna.
Va sbarianno cu 'o viento,
na palomma ccá e llá.
 
Dorme un bosco e canta una sorgente.
Fischia un treno sotto a una montagna.
E' sbattuta dal vento
una colomba qua e là.
 
E pe' stu mare verde senza fine,
……………………………………..
 
E per questo mare verde senza fine,
…………………………………………..
 
E ce perdimmo pe' stu mare verde,
stu mare verde.
E ci perdiamo questo mare verde,
questo mare verde.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia