MARECHIARO MARECHIARO


(De Lucia, R. Murolo, Forlani – 1962)


 
Che só' 'e rricchezze,
che sóngo 'e denare?
Niente pe'mmé.
I' só' padrone
'e nu grande tesoro
tutto pe'mmé.
 
Cosa sono le ricchezze,
cosa sono i soldi?
Niente per me.
Io sono padrone
di un grande tesoro
tutto per me.
 
Marechiaro, Marechiaro.
Tu, sulo tu,
puó' fá dicere a stu core:
"Ma che vuó' cchiù?"
E' na musica stu mare
ca nisciunu prufessore
'ncopp' 'a carta pò stampá.
Nu cuncierto senza fine
ca si duje se vònno bene,
nun se pònno cchiù scurdá.
Quanno 'ncielo sponta 'a luna,
chi è meglio 'e me?
Tengo 'ammore 'int'a sti bbraccia,
dint' 'o core na canzone.
Tengo 'a luna e tengo a te.
 
Marechiaro, Marechiaro.
Tu, solo tu,
puoi far dire a questo cuore:
"Ma cosa vuoi di più?"
E' una musica questo mare
che nessun professore
sulla carta può stampare.
Un concerto senza fine
che se due si vogliono bene,
non si possono più dimenticare.
Quando in cielo spunta la luna,
chi è meglio di me?
Ho l'amore tra queste braccia,
nel cuore una canzone.
Ho la luna e ho te.
 
Dint' 'o silenzio
st'ammore è nu suonno
bello a sunná.
Mentre suspirano
e parlano ll'onne
d'eternitá.
 
Nel silenzio
questo amore è un sogno
bello da sognare
Mentre sospirano
e parlano le onde
di eternità.
 
Marechiaro, Marechiaro.
…………………………..
Marechiaro, Marechiaro.
…………………………..

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia