MARIA MARI'


(V. Russo, Di Capua – 1899)


 
Arápete fenesta.
Famme affacciá a Maria,
ca stóngo 'mmiez'â via
speruto d' 'a vedé.
 
Apriti finestra.
Fammi affacciare Maria,
che sono in mezzo alla strada
desiderando di vederla.
 
Nun trovo n'ora 'e pace.
'A notte 'a faccio juorno,
sempe pe' stá ccá attuorno,
speranno 'e ce parlá.
 
Non trovo un'ora di pace.
La notte diventa giorno,
sempre per stare qui intorno,
sperando di parlarci.
 
Oje Marí', oje Marí',
quanta suonno ca perdo pe'tté.
Famme addurmí
abbracciato nu poco cu'tté.
Oje Marí', oje Marí'.
Quanta suonno ca perdo pe'tté.
Famme addurmí,
oje Marí', oje Marí'.
 
Oh Maria, oh Maria,
quanto sonno che perdo per te.
Fammi addormentare
abbracciato un po' con te.
Oh Maria, oh Maria.
quanto sonno che perdo per te.
Fammi addormentare
Oh Maria, oh Maria.
 
'Mmiez'a stu ciardeniello,
ce ride 'a malvarosa.
Nu lietto 'e fronne 'e rosa
aggio fatto pe' te.
 
In questo giardinetto,
ci sorride la malvarosa.
Un letto di petali di rosa
ho fatto per te.
 
Viene che 'a notte è doce,
'o cielo ch'è nu manto.
Tu duorme e io te canto
'a nonna a fianco a te.
 
Vieni che la notte è dolce,
il cielo è una coperta.
Tu dormi e io canto
la ninna nanna di fianco a te.
 
Oje Marí', oje Marí',
……………………..
 
Oh Maria, oh Maria,
……………………..
 
Pare che giá s'arape
na sénga 'e fenestella.
Maria cu 'a manella,
nu segno a me mme fa.
 
Sembra che già si apre
una fessura alla finestra.
Maria con la manina,
un segno mi fa.
 
Sòna chitarra mia,
Maria s'è scetata.
Na scicca serenata,
facímmole sentí.
 
Suona chitarra mia,
Maria si è svegliata.
Una bella serenata,
facciamole sentire.
 
Oje Marí', oje Marí',
……………………..
Oh Maria, oh Maria,
……………………..

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia