MARIANNÌ'


(E. Noto – 1700 ca)


 
T'aggio ditto tanta vote,
nun fá 'ammore cu pumpiere,
só' na matta de 'mbrugliére.
Gué, te lassa e se ne va.
 
Ti ho detto tante volte,
non far l'amore col pompiere,
sono una manica di imbroglioni.
Uè, Ti lascia e se ne va.
 
Marianní', sciasciona mia,
gué, nun farme cchiù sperí.
 
Mariannì', dolcezza mia,
uè, non farmi più disperare.
 
Quanno jèsce da 'o quartiere,
co' la sciabolella a lato,
cu 'o bonetto ammartenato,
nèh, lassátelo passá.
 
Quando esce dal quartiere,
con la sciabola sul fianco
col bonetto lucidato,
neh, lasciatelo passare.
 
Marianní', sciasciona mia,
……………………………
 
Mariannì', dolcezza mia,
………………………….
 
T'aggio ditto tanta vote,
nun fá 'ammore cu 'o surdato.
Na partenza cchiù de n'ata,
gué, te lassa e se ne va.
 
Ti ho detto tante volte,
non far l'amore col soldato.
Una partenza dietro l'altra,
uè, ti lascia e se ne va.
 
Marianní', sciasciona mia,
……………………………
 
Mariannì', dolcezza mia,
………………………….
 
Nèh, chiammate a mamma mia,
mm'è venuta 'a passione,
mo te mange lu limone,
te lo mange mo pe' mo.
 
Neh, chiamate mia madre,
mi è venuta una passione,
ora ti mangi un limone,
te lo mangi immediatamente.
 
Marianní', sciasciona mia,
……………………………
 
Mariannì', dolcezza mia,
………………………….
 
Alla piazza del Castelle
hanno fatto i giardinetti,
chi passeggia e chi si siede
e chi va a prendere aria.
 
Alla piazza del Castello
hanno fatto i giardinetti,
chi passeggia e chi si siede
e chi va a prendere aria.
 
Marianní', sciasciona mia,
……………………………
Mariannì', dolcezza mia,
………………………….

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia