MARTELLACORE


(L. Cioffi, G. Cioffi – 1950)


 
Mm' 'o ddiceva mammélla mia,
Martellacore te perdarrá.
Statte attiento si arrassusia
te dicesse: "Tu mm'hê 'a spusá".
 
Me lo diceva mia mamma.
Martellacuore ti perderà.
Stai attento se, non sia mai,
ti dicesse: "Tu mi devi sposare".
 
Che mme ne faccio 'e te cuperta 'e raso?
Che mme ne faccio cchiù d' 'o lietto 'e sposa?
'O parrucchiano aspetta dint' 'a Cchiesa
e i' chiagno 'nnanz'a chesta casa 'nchiusa.
 
Cosa me ne faccio di te, coperta di raso?
Che me ne faccio più del letto da sposa?
Il prete aspetta in Chiesa
e io piango davanti a questa casa chiusa.
 
Dint' 'o core nu martiello,
ndunghe ndunghe ndunghe ndá.
E nu chiuovo dint' 'o cerviello dice:
"Chella nun turnarrá".
Cuperta 'e raso,
comm'ire bella 'ncopp' 'o lietto 'e sposa.
 
Nel cuore un martello,
ndunghe ndunghe ndunghe ndá.
E un chiodo nel cervello dice:
"Quella non tornerà".
Coperta di raso
com'eri bella sul letto da sposa.
 
Che mm'ha fatto stu primmo ammore.
Madonna mia scánsame tu.
Io t' 'o ggiuro cu tutt' 'o core
ca nun voglio fá 'ammore cchiù.
 
Cosa mi ha fatto questo primo amore.
Madonna mia scansamene tu.
Io te lo giuro, con tutto il cuore
che non voglio fidanzarmi più.
 
Che mme ne faccio 'e te chitarra mia,
mo ca ce manca 'o mmeglio, 'a voce soja?
Comme ce 'ntenneréva a tutt'e duje
quanno cantava: "Nun te lasso maje".
 
Cosa me ne faccio di te, chitarra mia,
ora che manca il meglio, la sua voce?
Come ci inteneriva a tutti e due
quando cantava: "Non ti lascio mai".
 
Dint' 'o core nu martiello
…………………………….
 
Nel cuore un martello,
…………………………
 
Mm' 'o ddiceva mammélla mia:
"Chella 'nfama te perdarrá".
Me lo diceva mia mamma.
"Quella infame ti perderà".

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia