MARUZZELLA


(Bonagura, Carosone)


 
Ohé.
Chi sente?
E chi mo canta appriesso a me?
Ohé,
pe' tramente
s'affaccia 'a luna pe' vedé.
Pe' tutta 'sta marina
'a Pròceda a Resína1,
se dice: "Guarda llá,
na femmena che fa".
 
Ohè.
Che sente?
E ora chi canta con me?
Ohè,
intanto
si affaccia la luna per vedere.
Per tutta questa costa marina
Da Procida a Resina1
si dice: "Guarda lá,
una donna che fa!"
 
Maruzzella2, Maruzzè'
t'hê miso dint'a ll'uocchie 'o mare
e mm'hê miso 'mpiett'a me
nu dispiacere.
Stu core mme faje sbattere
cchiù forte 'e ll'onne
quanno 'o cielo è scuro.
Primma me dice "sí",
po', doce doce, mme faje murí.
Maruzzella, Maruzzé'.
 
Maruzzella2, Maruzzè'
ti sei messa negli occhi il mare
ed hai messo nel mio petto
un dispiacere
Questo cuore mi fai battere
più forte delle onde
quando il cielo è scuro.
Prima mi dici si,
poi, dolce dolce, mi fai morire.
Maruzzella, Maruzzé'.
 
Ohé.
Chi mm'ajuta?
Si tu nun viene a mm'ajutá?
Ohé,
mm'è venuta
na voglia ardente 'e te vasá.
E vieneténne oje bella,
e damme 'sta vucchella ca,
pe' mm'avvelená,
'e zùccaro se fa.
 
Ohé!
Chi mi aiuta?
Se tu non vieni ad aiutarmi?
Ohé,
mi è venuta
una voglia ardente di baciarti.
E vieni oh bella
e dammi questa boccuccia che,
per avvelenarmi,
diventa di zucchero.
 
Maruzzella, Maruzzè'
………………………
Maruzzella, Maruzzè'
………………………


1 Antico nome del comune di Ercolano.
2 La canzone Maruzzella, scritta da Renato Carosone in coppia con il fido paroliere Nisa, prende il titolo dal vezzeggiativo di Marisa, la moglie di Carosone, a cui il brano è dedicato. In dialetto napoletano la parola “maruzzella” indica una piccola conchiglietta di mare.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia