MIEROLO AFFURTUNATO


(Di Giacomo, E. A. Mario - 1931)


 
A ll'acqua chiara e fresca,
a ll'acqua 'e tre funtane,
mme só' lavato 'e mmane.
 
All'acqua chiara e fresca,
all'acqua delle tre fontane,
mi sono lavato le mani.
 
E mme ll'aggio asciuttate
'e n'albero a li ffrónne
addó' canta nu miérolo cianciuso
e s'annasconne.
 
E le ho asciugate
alle foglie di un albero
dove un merlo vezzoso canta
e si nasconde.
 
Miérolo affurtunato,
viato a chi te sente.
'Sta voce, alleramente,
sceta 'o silenzio attuorno
e tremmano sti ffrónne
addó' canta ll'auciello apprettatore
e s'annasconne.
 
Merlo fortunato,
beato chi ti sente.
Questa voce, allegramente,
sveglia il silenzio intorno
e tremano queste foglie
dove l'uccello provocatore canta
e si nasconde.
 
Pur'io cantavo. Io pure,
cuntenta e affurtunata,
tutt' 'a santa jurnata.
 
Anch'io cantavo. Anch'io,
contenta e fortunata,
tutta la santa giornata.
 
"St'uocchie. Ah, quante só' belle.
E chesti ttrezze jónne"
mme dicett'uno."E 'sta faccia ca ride
e s'annasconne".
 
"Questi occhi. Ah, quanto sono belli.
E queste trecce bionde"
mi disse uno. "E questa faccia che ride
e si nasconde".
 
Miérolo affurtunato,
………………………
 
Merlo fortunato,
………………….
 
Mo chiágnono cu mico
ll'arbere, ll'erba, 'e ffrónne
e ll'eco mme risponne.
 
Ora piangono con me
gli alberi, l'erba, le foglie
e l'eco mi risponde.
 
Cchiù 'sta faccia nun ride,
ma 'e lacreme se 'nfónne.
Dint'a sti mmane meje, rossa, se 'nzèrra
e s'annasconne.
 
Questa faccia non ride più,
ma di lacrime si bagna,
Tra queste mie mani, rossa, si chiude
e si nasconde.
 
Mérolo affurtunato,
……………………..
Merlo fortunato,
………………….

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia